Donne e diritti

Noemi, il discorso al Concertone del Primo maggio: “Alle donne si chiede di fare più figli ma la maternità non è tutelata”

Spettacoli - di Redazione Web - 1 Maggio 2024

CONDIVIDI

Noemi, discorso sulle donne al concertone del primo maggio. Frame da Rai.
Noemi, discorso sulle donne al concertone del primo maggio. Frame da Rai.

“Il Primo Maggio deve essere fino in fondo la festa delle lavoratrici e dei lavoratori, per il lavoro, per la giustizia sociale e contro le violenza sulla donne. Sempre!”. Anche Noemi lancia il suo messaggio dal palco del Concertone del Primo Maggio a Roma, pensando alle donne e alle violenze e ai diritti negati. Mostrando una foto sullo schermo, l’artista chiede: “Sapete chi è? Claudia Goldin, Nobel all’economia, prima donna a vincerlo da sola. Fin da bambina le piaceva fare la detective. E si chiedeva perché le donne sono trattate peggio e pagate meno sul lavoro. Una domanda che dovremmo farci tutti”.

Cosa ha detto Noemi al concertone del primo maggio

Poi Noemi passa a snocciolare dati impietosi: “In Italia una donna su due non ha lavoro, molte donne hanno un lavoro precario o povero o costrette al part time. Nel privato lo stipendio è di circa 8mila euro più basso di quello di un uomo. Una donna su cinque lascia il lavoro dopo un figlio. Eppure le donne si laureano di più e con voti più alti”. E poi l’affondo: “In Italia si continua a dire che dovrebbemmo fare più figli, ma non si fa abbastanza per conciliare maternità e lavoro. E solo con l’indipendenza economica le donne possono difendersi dai soprusi e dalle violenze. Quando si ribellano, il rischio è di rimanere senza soldi, senza lavoro e con un bimbo da mantenere. Per questo è così difficile denunciare”.

E poi l’appello finale: “Il primo maggio deve essere fino in fondo la festa delle lavoratrice e dei lavoratori per il lavoro, per la giustizia sociale e contro la violenza sulle donne, sempre”.

Chi è Noemi

Noemi, vero nome di Veronica Scopelliti, è nata nel 1982 a Roma, da genitori di Reggio Calabria. È esplosa con la partecipazione alla seconda edizione di X Factor nel 2008. Il singolo di debutto Briciole ha subito fatto emergere la sua personalità musicale e la sua voce originalissima, da blues e soul. Il suo primo album Sulla mia pelle è stato certificato con due dischi di platino. Nel 2010 ha partecipato per la prima volta al Festival di Sanremo con la canzone Per tutta la vita. Ne ha pubblicati in tutto sei, l’ultimo è Metamorfosi, del 2021. È stata vocal coach del talent show “The Voice of Italy” per tre edizioni. La sua ultima partecipazione a Sanremo, la settima, nel 2022 con il brano Ti amo non lo so dire.

Chi è il marito di Noemi

È sposata dal 2018 con Gabriele Greco. Un musicista, suona nella sua band come bassista. La coppia non ha figli. “Noi donne siamo nate per essere madri – ha raccontato a Elle – rispetto chi non vuole figli, ma per me il motivo per cui si nasce è proprio questo: le donne sono programmate per diventare mamme, e diversamente mi sembrerebbe di mancare a un appuntamento importante della vita. E poi che cosa racconto nelle mie canzoni, sempre di quella che non ha figli?”.

Il discorso contro la violenza sulle donne

“Quello della violenza sulle donne e quello della parità di genere credo siano temi importanti – ha annunciato Noemi in conferenza stampa – Siamo orgogliose delle battaglie che abbiamo vinto, mi ricordo Virginia Woolf quando non si potevano firmare i romanzi scritti dalle donne. Nonostante queste battaglie vinte è una necessità parlarne, l’esigenza di parità è sentita anche dagli uomini. Ricordo che alla manifestazione del 25 novembre c’erano tanti uomini e bambini. Farò un discorso che ho scritto anche io. All’università ci sono andata e cerco di utilizzare il pezzo di carta, però si parlerà anche di tanto altro”.

1 Maggio 2024

Condividi l'articolo