In Australia

Attacco al centro commerciale: 7 morti e neonato ferito a coltellate, ucciso l’assalitore a Sydney

L'aggressione a coltellate. Ancora impreciso il numero di feriti, alcuni sarebbero in gravi condizioni. Non è escluso il movente terroristico

Cronaca - di Redazione Web - 13 Aprile 2024

CONDIVIDI

FOTO DA X
FOTO DA X

Almeno sette persone sono state uccise a coltellate in un centro commerciale a Sydney, in Australia. Ancora impreciso il numero di feriti, alcuni sarebbero in condizioni gravi. L’aggressore è stato eliminato dalla polizia. Il centro commerciale appartiene al gruppo Westfield, si trova a Bondi Junction, in un quartiere periferico di Sydney. Sul posto sono intervenute diverse ambulanze.

L’attacco è stato consumato poco prima delle 16:00, ora locale. L’aggressore sarebbe entrato nell’edificio affollato e avrebbe iniziato ad accoltellare i passanti. È stato eliminato con un colpo di pistola esploso da un agente. Al momento sono poche o parziali le informazioni sulle vittime dell’attacco. Alcuni feriti sarebbero in condizioni gravi. Ci sarebbe anche un bambino di nove mesi.

I media locali hanno pubblicato immagini di persone ferite a terra, di agenti di polizia che le soccorrono. È stata diffusa anche la fotografia di un uomo che girava armato di un coltello nel centro commerciale. Al momento non è chiaro se abbia agito da solo. La polizia ha fatto sapere di aver avviato un’indagine sull’attacco. Le autorità hanno invitato i residenti della zona a evitare l’area del centro commerciale.

Centinaia di persone sono state evacuate, alcune sarebbero rimaste bloccate all’interno. Il centro commerciale è stato chiuso. È ancora in corso un’operazione della polizia su larga scala nel grande centro commerciale che si estende su sei livelli. Non è stato accertato il motivo dell’attacco ma non è escluso il movente terroristico.

Il ministro degli Esteri Antonio Tajani ha scritto su X che la Farnesina e l’ambasciata italiana in Australia “monitorano la situazione a Sydney, in raccordo con le autorità locali. Il ministro Antonio Tajani segue l’evoluzione. Per qualsiasi emergenza o segnalazione, vi invitiamo a contattare l’Unità di Crisi al +39 06 36225”.

13 Aprile 2024

Condividi l'articolo