Sì del Parlamento Ue

L’Europa vara le nuove leggi razziali, cosa prevedono le norme che riconoscono gli altri come “fastidio”

Riconoscere gli altri come “fastidio”. Dare carne e sangue alla filosofia dell’ “europeo prima” (sulla falsariga dell’ “America first”). I principi ai quali questo regolamento si ispira non sono lontani dai principi delle leggi razziali. E come allora le viltà e i tradimenti sono tanti.

Editoriali - di Piero Sansonetti - 11 Aprile 2024

CONDIVIDI

L’Europa vara le nuove leggi razziali, cosa prevedono le norme che riconoscono gli altri come “fastidio”

L’Europa ha approvato quello che viene chiamato “il nuovo patto di asilo”. Si tratta di una serie di norme che rendono sempre più difficile l’accoglienza ai profughi. Puntano a blindare il continente e a sbarrare la via ai migranti.

Stracciando il diritto internazionale, i principi essenziali del cristianesimo e dell’illuminismo, la dichiarazione universale dei diritti dell’umanità del 1948, vari articoli di alcune costituzioni dei paesi membri compresa la Costituzione italiana (che ora ha un articolo 9 e un articolo 11 ma non ha più un articolo 10).

Con una forzatura linguistica, ma non credo politica, abbiamo definito queste norme le “nuove leggi razziali”. Ci riferiamo a quelle del ‘38, di Mussolini, contro gli ebrei. Certo che queste non sono la stessa cosa, ma il principio è quello: riconoscere alla popolazione ariana diritti superiori ai diritti degli altri.

Riconoscere gli altri come “fastidio”. Dare carne e sangue alla filosofia dell’ “europeo prima” (sulla falsariga dell’ “America first”). I principi ai quali questo regolamento si ispira non sono lontani dai principi delle leggi razziali. E come allora le viltà e i tradimenti sono tanti.

A partire da quelli della mitica socialdemocrazia tedesca, che non solo ha votato a favore, ma si è dichiarata entusiasta. Che dolore se si pensa, non dico a Rosa Luxemburg, ma a Willy Brandt! Del resto i popolari e i conservatori hanno tranquillamente infangato le tradizioni e tutti i principi cristiani. Allegramente.

E si sono detti felici. Dicono che è una svolta storica. Già. Solo la sinistra ha tenuto. E il Pd ha avuto la forza e l’ardore per votare compatto contro il patto. Vien da dire: per fortuna che c’è l’Italia!

11 Aprile 2024

Condividi l'articolo