Giallo a Mosca

Trovato impiccato in Russia il vice presidente di Lukoil, è il quarto morto “sospetto” nella compagnia petrolifera

Esteri - di Redazione - 14 Marzo 2024

CONDIVIDI

Vitaly Robertus
Vitaly Robertus

L’incredibile serie di casi di morti sospette ai vertici delle maggiori aziende russe dallo scoppiare del conflitto in Ucraina, il 24 febbraio di due anni fa, continua. Nell’elenco compare da mercoledì Vitaly Robertus, vice presidente di Lukoil, la più grande compagnia petrolifera russa.

Robertus, come riferito da canali Telegram tra cui Astra e Baza, media russo vicino ai servizi di sicurezza di Mosca, è stato trovato morto impiccato nel bagno del suo ufficio di Mosca.

Il “suicidio” di Robertus

Il colosso petrolifero aveva annunciato la morte del suo vicepresidente in un comunicato in cui si sosteneva che Robertus fosse deceduto “improvvisamente“. Nel pomeriggio di ieri un altro vice presidente dell’azienda, Oleg Pashaev, si era preoccupato dopo che Robertus non rispondeva alle telefonate ed era andato a bussare alla porta del suo ufficio.

Secondo fonti di Mosca, poco prima del suo decesso Robertus aveva detto di sentirsi poco bene, avrebbe chiesto delle pillole per il mal di testa per poi recarsi nel suo ufficio. “Non è uscito per diverse ore, non ha risposto al telefono. I dipendenti hanno deciso di entrare nel suo ufficio e hanno trovato il suo corpo”, scrivono alcuni media russi ricostruendo la scoperta della morte di Robertus.

Il lungo elenco di morti sospette in Russia

Robertus è solo l’ultimo di una lunga serie di casi di morti sospette ai vertici delle aziende dell’energia russa, il quarto in Lukoil, dall’inizio della guerra in Ucraina. Nell’ottobre del 2023 Vladimir Nekrasov, presidente del consiglio di amministrazione dell’azienda, era morto per “insufficienza cardiaca” all’età di 66 anni.

Quindi Ravil Maganov, presidente di Lukoil, che si era anche espresso contro la guerra in Ucraina. Maganov è morto nel settembre del 2022 cadendo dalla finestra di un ospedale di Mosca, secondo l’agenzia di stampa Tass.

Altro giro, altra azienda chiave dell’economia russa. Il dirigente di Gazprom, Leonid Shulman, a capo della direzione trasporti di Gazprom Invest, era stato trovato morto nella sua dacia a Leninsky, vicino a San Pietroburgo il 30 gennaio. Accanto al suo corpo, gli inquirenti hanno trovato un biglietto di addio. Il mese successivo, il 25 febbraio, un altro dirigente di Gazprom, Aleksandr Tyulakov, è stato trovato morto nel garage della sua casa, nello stesso villaggio. Novaya Gazeta aveva parlato allora di suicidio. L’ex vice presidente di Gazprombank, Vladislav Avayev, era stato trovato morto con la moglie e la figlia nella sua abitazione di Mosca il 18 aprile del 2022. Le autorità avevano parlato di omicidio- suicidio.

di: Redazione - 14 Marzo 2024

Condividi l'articolo