Elezioni in Basilicata

Chi è Domenico Lacerenza, il candidato di centrosinistra in Basilicata: si ritenta il campo largo, ma Azione si sfila

Politica - di Redazione Web - 13 Marzo 2024

CONDIVIDI

Chi è Domenico Lacerenza, il candidato di centrosinistra in Basilicata: si ritenta il campo largo, ma Azione si sfila

A poco più di un mese dal voto in Basilicata, il centrosinistra ha trovato al quadra sul suo candidato. Sarà Domenico Lacerenza lo sfidante di Vito Bardi alle elezioni regionali del 21 e 22 aprile. Un nuovo tentativo di campo largo come in Sardegna. L’intesa è stata trovata da Partito democratico, M5S, Avs e +Europa. Non c’è invece l’appoggio di Azione che, come riportato da LaPresse, dopo la telefonata di oggi tra il leader Carlo Calenda e la segretaria dem Elly Schlein, deciderà nei prossimi giorni.

Chi è Domenico Lacerenza, oculista estraneo alla politica

Lacerenza, 66 anni, nativo di Barletta, in Puglia, è un oculista, ex direttore del Dipartimento di chirurgia dell’ospedale regionale ‘San Carlo’ di Potenza e in una nota congiunta viene definito “un profilo di alto spessore professionale”. A suo sostegno anche il movimento civico ‘Basilicata casa comune’ di Angelo Chiorazzo, che dopo una serie di tira e molla ha fatto un passo indietro. “Le forze politiche di questo campo progressista ringraziano Angelo Chiorazzo, in rappresentanza di ‘Basilicata casa comune’, che pure si era reso disponibile a impegnarsi in prima persona per questa sfida, per la sua disponibilità a offrire il suo contributo nell’individuazione, di comune accordo, di un candidato unitario”, prosegue la nota congiunta. In cui si legge anche che “al dottor Lacerenza, che ha accettato con entusiasmo questa sfida, va il nostro ringraziamento, certi di poter offrire alla intera comunità lucana una alternativa di governo, costruita su basi serie, concrete, credibili”.

Primo incarico politico per Lacerenza

“Per me, che mi sono sempre dedicato alla professione di medico a tempo pieno, è il primo incarico politico – ha detto Lacerenza a repubblica – Mi sento responsabilizzato, è una notizia che mi ha coinvolto oggi. Sono onorato del fatto che abbiano ritenuto di puntare su di me e mi impegnerò al massimo per essere all’altezza”. Sfiderà il candidato del centrodestra, l’ex generale Vito Bardi di Forza Italia che punta alla sua riconferma.

Il programma di Lacerenza per la Basilicata

Al primo punto del programma c’è la sanita. “L’agenda di governo regionale che propone questa coalizione, forte della candidatura di Lacerenza, prevede in primo luogo – si legge ancora – di offrire una sanità di qualità a tutti i cittadini lucani: una sfida essenziale per rilanciare un territorio che ha sofferto profondo disagio per ciò che attiene la fruizione del diritto alla salute e il diritto alle cure”.

Azione si sfila dal “campo largo”

Dopo aver fatto passare la notte, Calenda senza giri di parole usa i social per sfilarsi ufficialmente dalla riedizione lucana del “campo largo”. Il leader di Azione tira in ballo Elly Schlein e Giuseppe Conte, contestando a quest’ultimo un veto sul suo partito e alla segreteria Dem di aver ceduto alle richieste pentastellate.

“Dopo mesi di veti e controveti interni Giuseppe Conte ha annunciato il candidato e il perimetro della coalizione per la Basilicata – scrive Calenda -. Con somma gioia rivendica di aver imposto al PD un veto su Azione. Bene. Il dato positivo è che la “sinistra” ha scelto finalmente il suo campo e il suo leader. Non è il nostro. Auguri”, il messaggio secco e polemico di Calenda.

Resta così un ricordo il sostegno ampio alla candidatura in Abruzzo di Luciano D’Amico, che non avrà dunque una riedizione in Basilicata.

13 Marzo 2024

Condividi l'articolo