La Capitale dello Sport 2026

Campionato europeo Cadetti e Giovani di Napoli: l’evento presentato al Centro Congressi Federico II

Presenti il Ministro per lo Sport e i Giovani Andrea Abodi, del presidente del Coni, Giovanni Malagò, del sindaco, Gaetano Manfredi e del Magnifico Rettore Matteo Lorito

Sport - di Redazione Web - 14 Febbraio 2024

CONDIVIDI

Campionato europeo Cadetti e Giovani di Napoli

La splendida cornice del Centro Congressi Federico II ha tenuto a battesimo il Campionato europeo Cadetti e Giovani di Napoli che sarà in scena dal 22 al 29 febbraio 2024. Parterre arricchito dalle prestigiose presenze, tra gli altri del Ministro per lo Sport e i Giovani Andrea Abodi, del presidente del Coni, Giovanni Malagò, del sindaco, Gaetano Manfredi e del Magnifico Rettore Matteo Lorito che “onorato di ospitare una conferenza stampa di questo calibro”, si è detto “orgoglioso delle iniziative che l’Ateneo mette in campo per tutti gli atleti studenti”.

Il cammino verso Napoli Capitale europea dello Sport 2026 prende il via con la rassegna continentale che vedrà protagonisti oltre mille atleti, provenienti da 45 Paesi. Otto giorni di gare, in palio 24 titoli. Attese in città e nell’impianto di Ponticelli oltre settemila presenze. La manifestazione voluta fortemente da Sandro Cuomo posizionerà l’urbe di Partenope al centro dell’attenzione mediatica e non solo, promuovendo cultura e dialogo tra le nazioni: “Siamo pronti per questa nuova avventura in pedana. L’organizzazione è stata messa a punto e non vediamo l’ora di cominciare. Sono orgoglioso che da Napoli possa partire questa cavalcata europea. La presenza del ministro Abodi e del presidente Malagò hanno impreziosito la presentazione di questo evento. Sono molto soddisfatto e siamo fiduciosi che la kermesse continentale possa rappresentare un momento significativo per la città. Sarà un trampolino di lancio per ospitare un’edizione partenopea dei Mondiali giovanili nel 2026”.

Il Ministro Abodi ha sottolineato l’importanza del coinvolgimento delle scuole e dei giovani: “a Napoli c’è una grandissima tradizione, ma è una competizione che fa bene a tutto il Paese perché mette al centro i ragazzi e la loro educazione. Infatti sono stati previsti dei seminari che si terranno contestualmente all’evento incentrati su temi rilevanti, tenuti da esperti su inclusione, parità di genere, etica e tanto altro. Quello di Napoli è un appuntamento di miglioramento della percezione di quanto sia importante lo sport in tutte le sue forme, come recita la Costituzione”.

Entusiasta il presidente del Coni Malagò che ha evidenziato la sinergia alla base di una splendida organizzazione: “È il primo europeo di scherma che ospiterà Napoli nonostante tanti atleti campani abbiano conquistato allori in questo sport. Siamo felici perchè dopo due mondiali, questa ulteriore manifestazione dimostra la nostra capacità di fare sistema: abbiamo remato tutti nella stessa direzione con la voglia di portare questa cartolina in giro per tutta Europa”.

Così invece il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi che dal giorno zero ha incoraggiato l’iniziativa di Sandro Cuomo: “Lo svolgimento dei Campionati Europei giovanili rappresenta una grande notizia per Napoli e per i campioni che la nostra città detiene storicamente in questo sport. Poter ospitare e contribuire ad organizzare in una nostra struttura tale manifestazione internazionale è il miglior viatico verso Napoli Capitale dello Sport 2026“. “Lo avevamo sognato un anno fa, ora siamo qui a presentare l’Europeo. Segno che la città di Napoli merita i grandi eventi ed è pronta a ospitarli“, ha aggiunto Emanuela Ferrante, assessore allo Sport e alle Pari Opportunità del Comune.

Giorgio Scarso, presidente della Confederazione europea di schema: “E’ una grande emozione oltre che una scommessa vinta, dopo un anno stiamo testimoniando la vera autentica scherma che vedrà Napoli come anfitrione dei Campionati giovanili. Sono competizioni vissute e di alto profilo tecnico”.

Paolo Azzi, presidente della Federazione italiana scherma: “È una grande sfida per Napoli e per tutta la scherma italiana. Ospitare l’Europeo Cadetti e Giovani rappresenta una enorme responsabilità, che ci prendiamo volentieri, perché ci onora, consapevoli dell’importanza dell’iniziativa e della grande capacità del Comitato partenopeo”.

Grandi applausi per i testimonial: l’olimpionica del fioretto Elisa Di Francisca ha ricordato che “dall’Europeo Cadetti e Giovani comincia tutto, ed è bellissimo ritrovare questo evento in Italia”, e lo spadista azzurro – napoletano doc – Valerio Cuomo, il quale ha sottolineato che “la mia città merita manifestazioni del genere, e io invidio molto gli Under 17 e Under 20 italiani che potranno disputare questa gara in casa, con il tifo dei miei concittadini” Ha inoltre impreziosito la platea il direttore del quotidiano “Il Mattino”, Franceesco De Core.

14 Febbraio 2024

Condividi l'articolo