Le fiamme

Kenya: 2 morti e oltre 200 feriti in un incendio a Nairobi, esploso un camion che trasportava gas

Il governo parla di un'"enorme palla di fuoco che si è diffusa ampiamente". Le fiamme si sono estese alle abitazioni nel quartiere Embakaas, persone intrappolate nelle case. Immagini spaventose sui social

News - di Redazione Web - 2 Febbraio 2024

CONDIVIDI

FOTO DA TWITTER
FOTO DA TWITTER

Almeno due morti e oltre 200 feriti in un incendio esploso a Nairobi, in Kenya. Un'”enorme palla di fuoco che si è diffusa ampiamente”, come stata descritta da Isaac Maigua, portavoce del governo di Nairobi, in un post su X. Il rogo è scoppiato dopo che un camion carico di gas è esploso nella capitale. Ancora da accertare le cause dell’enorme incendio. Le immagini sui social sono raccapriccianti: si vede un’esplosione e un’enorme palla di fuoco e fumo alzarsi nella notte ben oltre i palazzi della città.

L’incendio è scoppiato a Embakas, a sudest di Nairobi. Il portavoce del governo di Nairobi in un primo momento aveva parlato di quasi 300 feriti e di un’esplosione avvenuta in un’azienda che stava riempiendo bombole di gas, salvo poi correggere il tiro. È successo tutto intorno alle 23:30 locali di giovedì sera, le 21:30 italiane. L’incendio avrebbe in seguito raggiunto un magazzino di materiale tessile che di trovava nelle vicinanze e si sarebbe esteso ad ancora altri veicoli, negozi e abitazioni.

I feriti sarebbero 222, tutti ricoverati nei diversi ospedali di Nairobi. “Di conseguenza, l’inferno ha ulteriormente danneggiato diversi veicoli e proprietà commerciali tra cui molte piccole e medie imprese”, ha affermato il portavoce aggiungendo che “hanno preso fuoco anche le case residenziali del quartiere, con un buon numero di residenti che erano ancora all’interno, perché era notte fonda”.

Si teme che il numero delle vittime possa salire nelle prossime ore: per le persone che potrebbero essere rimaste nelle loro abitazioni e che non siano state ancora soccorse. Secondo alcuni resoconti i feriti sarebbero oltre 300. Ancora da accertare le cause che hanno scatenato l’incendio.

2 Febbraio 2024

Condividi l'articolo