Brescia

Fabio Ferrari: ritrovato il corpo del runner in Valtrompia, scivolato per 100 metri in un canalone

Sparito a circa duemila metri d'altezza domenica mattina. Aveva 55 anni e due figli, a lanciare l'allarme la moglie. Potrebbe essere morto sul colpo

News - di Redazione Web - 30 Gennaio 2024

CONDIVIDI

FOTO DA FACEBOOK (OXYGEN)
FOTO DA FACEBOOK (OXYGEN)

È stato ritrovato nel primo pomeriggio il cadavere di Fabio Ferrari, il runner di Provaglio d’Iseo scomparso domenica scorsa, di mattina. Aveva 55 anni, era padre di due figli. Gli ultimi a vederlo erano stati alcuni escursionisti lungo sentiero appena sotto il Monte Muffetto. È stato ritrovato da uno dei gruppi di ricerca. Secondo le prime ricostruzioni l’uomo sarebbe scivolato mentre percorreva un sentiero particolarmente insidioso. Il cadavere è stato già riconsegnato alla famiglia.

Ferrari era ingegnere, iscritto all’associazione Atletica Franciacorta Oxyburn. Domenica mattina aveva parcheggiato la sua automobile intorno alle 10:30 in via Graticelle, a Bovegno, e aveva fatto la sua consueta corsa di allenamento di tre ore circa. La compagna, Natascia, lo aveva cercato su Whatsapp intorno alle 10:40. Non aveva più ricevuto risposte. È stata lei a lanciare l’allarme.

L’associazione Oxyburn aveva lanciato un appello sulla sua pagina Facebook ufficiale: “Ragazzi da ieri Fabio non rientra a casa e non si hanno più sue notizie! È partito per una uscita di corsa da graticella frazione di Bovegno, qualcuno lo ha per caso sentito, incontrato o avuto modo di sapere il suo giro? Ogni informazione è importante! In caso contattatemi in privato grazie e fate girare!”.

Chi lo conosceva, come il Presidente dell’Atletica Franciacorta Oxyburn, sapeva che Ferrari era abituato a staccare il telefono, a mettere offline il cellulare mentre si allenava. Quando è scomparso il 55enne stava percorrendo una cresta in località Baita Prada, a circa duemila metri d’altezza. I soccorritori di Ferrari, secondo quanto riporta Il Giornale di Brescia, non escludono che Ferrari sia morto sul colpo. Dopo il nullaosta del magistrato di turno il corpo di Ferrari è stato già riconsegnato alla famiglia.

Il sentiero che stava percorrendo Ferrari è particolarmente ostico, in questo periodo dell’anno, a causa del ghiaccio. Il 55enne sarebbe precipitato per un centinaio di metri in un canalone. A ritrovare il corpo uno dei gruppi di ricerca formato da Carabinieri Forestali, Soccorso Alpino, Vigili del fuoco, Guardia di Finanza e volontari della Protezione Civile.

30 Gennaio 2024

Condividi l'articolo