L'attacco

Istanbul, arrestati i killer del raid in chiesa: il video dell’omicidio

I fatti accaduti ieri dentro una chiesa italiana e cattolica. La vittima è un cittadino turco. Ancora non è chiaro il movente del delitto, le autorità turche hanno parlato di una rivendicazione da parte dell'Isis

Esteri - di Andrea Aversa - 29 Gennaio 2024

CONDIVIDI

Istanbul: arrestati i killer del raid in chiesa: il video dell’omicidio

Sono entrati in chiesa con il volto coperto e armati di pistola. Avrebbero esploso dei colpi d’arma da fuoco verso l’alto. Uno dei proiettili, incidentalmente, ha colpito e ucciso un uomo. Ma le immagini delle telecamere presenti in chiesa, diventate virali sui social e pubblicate dai media turchi, racconterebbero un’altra versione. I due killer avrebbero puntato di proposito la loro vittima uccidendola per poi darsi alla fuga. Il delitto è stato consumato ieri, domenica 28 gennaio, a Istanbul all’interno chiesa italiana di Santa Maria a Sariyer.

Arrestati i killer del raid armato in chiesa a Istanbul

Il governo turco ha subito avviato le indagini e dato inizio alla caccia all’uomo, queste sono state le prime dichiarazioni del ministro degli Interni Ali Yerlikaya: “Condanniamo con fermezza questo vile attacco, è stata già avviata un’indagine a lungo raggio. Prenderemo presto gli aggressori“. E così è stato. Secondo quanto riportato da Mariano Giustino, corrispondente dalla Turchia per Radio Radicale, i due killer sono stati individuati e arrestati.

Chi sono i killer della chiesa di Istanbul

Le autorità turche hanno contestualmente reso noto che il raid armato è stato rivendicato dall’Isis. Queste le parole di Giustino scritte e pubblicate sui social: “Il ministro degli Interni Yerlikaya sostiene che probabilmente coloro che hanno ucciso un uomo nella chiesa di Santa Maria a Sarıyer, Istanbul, appartengono ad una cellula dell’Isis. Non si tratta di cittadini turchi. Uno di essi viene dal Tagikistan, l’altro dalla Russia“. La vittima è stata identificata come C. T..

Il video dell’omicidio commesso in chiesa a Istanbul

29 Gennaio 2024

Condividi l'articolo