Caccia ai killer

Spari in chiesa a Istanbul: cosa è successo e chi è la vittima

Erano in due e con il volto coperto, hanno aperto il fuoco sparando verso l'alto. La vittima sarebbe un cittadino turco, forse un senza tetto: l'omicidio sarebbe stato un incidente. Indagini in corso, il ministro degli Interni: "Vile attacco, cattureremo gli aggressori". Per i media locali ci sarebbero anche dei feriti, fatto non confermato dalle autorità

Esteri - di Redazione Web - 28 Gennaio 2024

CONDIVIDI

Spari in chiesa a Instanbul: cosa è successo e chi è la vittima

Una persona è morta in un attacco armato nella chiesa italiana di Santa Maria a Sariyer, a Istanbul. Lo riferisce Cnn Turk precisando che l’attacco è avvenuto durante la messa della domenica. La polizia è sul posto. La vittima è un cittadino turco, almeno secondo quanto pubblicato dai media locali. È stato identificato dalle forze dell’ordine come C.T. Secondo alcune ricostruzioni, mentre era in corso la messa i due uomini armati e con il volto coperto, sono entrati sparando in aria, ma l’uomo (pare un senzatetto che trova spesso rifugio nella chiesa), si è alzato urlando contro i due assalitori che gli hanno sparato uccidendolo.

Istanbul, spari in una chiesa italiana: chi è la vittima

Il governo turco ha avviato “un’inchiesta a tutto raggio” sull’attacco alla chiesa italiana di Istanbul, “per catturare gli aggressori“; e ha espresso “la ferma condanna del vile attacco“. Lo ha detto il ministro dell’Interno turco Ali Yerlikaya sui social media. Yerlika ha anche illustrato la dinamica di quanto accaduto intorno alle 11:40 ora locale, quando in Italia erano le 09:40: due uomini armati e mascherati hanno fatto irruzione durante la funzione alla messa domenicale nella chiesa di Santa Maria, nel quartiere di Saryer, uccidendo una persona. Gli aggressori sono fuggiti. La polizia ha lanciato una caccia all’uomo.

Cosa è accaduto nella chiesa di Santa Maria a Istanbul

Secondo il sito on-line turco T24 ci sarebbero stati anche dei feriti, fatto ancora non confermato dalle autorità

28 Gennaio 2024

Condividi l'articolo