L'inchiesta

Leonardo La Russa e il caso di violenza, spuntano 3 video della notte con Gilardoni e la 22enne che li accusa

Cronaca - di Redazione - 20 Dicembre 2023

CONDIVIDI

Leonardo La Russa in Procura a Milano
Leonardo La Russa in Procura a Milano

Tre video, di cui uno anche circolato con un breve frammento. Ci sono tre filmati che documentano quanto accaduto nella notte del 18 maggio 2023 nella casa milanese del presidente del Senato Ignazio La Russa.

La denuncia per stupro contro La Russa

Come noto una ragazza ha denunciato di esser stata violentata quella notte dal figlio del co-fondatore di Fratelli d’Italia, Leonardo Apache La Russa e dal dj Tommaso Gilardoni. Nella querela sporta a fine giugno assieme all’avvocato Stefano Benvenuto, la ragazza aveva denunciato che dopo aver incontrato il suo ex compagno di scuola Leonardo nella discoteca Apophis in centro a Milano, la mattina dopo si era svegliata seminuda e senza ricordare nulla nel letto del ragazzo.

Lo stesso Leonardo Apache il mattino seguente le avrebbe confermato che avevano avuto un rapporto sessuale e che lei lo aveva fatto anche un tal “Nico”, che dormiva in un’altra stanza di casa La Russa. I “buchi di memoria” della giovane era stati poi riempiti dai messaggi con una amica che era stata con lei in discoteca fino alle tre di notte: nottata in discoteca preceduta, come confermato dalla stessa ragazza, dall’assunzione di alcol e droghe, in particolare cocaina e cannabis.

Sul fronte della difesa La Russa e l’amico Gilardoni hanno fin qui sempre ribadito che la ragazza era consenziente. Proprio questa mattina La Russa jr si è recato in Procura a Milano per essere interrogato dai magistrati titolari dell’inchiesta per violenza sessuale.

I video di La Russa, Dj Tommy e della vittima

Come scrive oggi l’edizione milanese del Corriere della Sera, l’esistenza dei tre filmati è emersa da una intercettazione. Un testimone, conoscente di Gilardoni, ne ha parlato subito dopo essere stato interrogato con il padre al telefono. A quel punto gli investigatori del procuratore aggiunto Letizia Mannella e del pm Rosario Stagnaro hanno trovato gli altri.

Il primo filmato, scrive il Corriere, è realizzato dal cellulare del figlio dell’esponente di Fratelli d’Italia, riprende un rapporto sessuale su un divano. Nel secondo si vedono la ragazza e Gilardoni sotto la doccia. Nel terzo video i tre parlano e sembrano scherzare tra di loro.

Da quest’ultimo filmato sembrerebbe dunque che la ragazza che accusa i due amici sia cosciente e partecipe ma in realtà i filmati allo stato non sono utili a dimostrare se il mix di alcool e droga che aveva assunto abbia potuto alterare il suo stato mentale e compromesso la sua capacità di autodeterminarsi.

L’ipotesi del drink “drogato”

Un importante peso nello sviluppo del processo potrebbe averlo la testimonianza dell’amica della ragazza, che era stata con lei nella discoteca di Milano.

Secondo quanto già raccontato dalla giovane agli inquirenti, l’amica dopo il secondo drink di gin tonic e tequila sarebbe diventata euforica, pronunciando alcune frasi sconnesse e dicendo anche “facciamo una botta”. Non solo: si era anche messa a correre lungo via Larga.

Uno stato di alterazione già provato dalla 22enne alcuni mesi prima in un altro locale della Movida milanese: anche in quella occasione la ragazza pensava di esser stata drogata.

di: Redazione - 20 Dicembre 2023

Condividi l'articolo