A Perugia

Bimba di 6 anni violentata in vacanza, arrestato l’animatore 33enne: “Perché lavorava con i minori?”

Scattati i domiciliari quando sullo smartphone sequestrato è stato ritrovato "un numero rilevante" di immagini pedopornografiche. Per il gip l'uomo è spregiudicato e caratterizzato da "totale assenza di freni inibitori". La bambina era in una struttura ricettiva

Cronaca - di Redazione Web - 1 Novembre 2023

CONDIVIDI

FOTO DI REPERTORIO
FOTO DI REPERTORIO

Arrestato un 33enne di origini marchigiane dopo l’apertura di un’indagine dei carabinieri per l’accusa di violenza sessuale su un bambina di sei anni. L’inchiesta è coordinata dalla Procura di Perugia, dove sono stati denunciati i fatti. L’uomo lavorava come animatore in una struttura ricettiva della provincia di Perugia. È stato accusato di violenza sessuale e detenzione di materiale pedopornografico e messo agli arresti domiciliari.

I fatti risalirebbero allo scorso agosto. La bambina era in vacanza con la famiglia e avrebbe raccontato l’accaduto al padre. L’uomo ha avvisato i carabinieri e denunciato. Il 33enne inizialmente era stato denunciato a piede libero. Gli era stato sequestrato il telefono cellulare e altri suoi effetti personali. Così gli inquirenti hanno scovato sullo smartphone dell’uomo “un numero rilevante” di immagini pedopornografiche. Sono scattati così i domiciliari con controllo elettronico.

La bambina era stata ricoverata in ospedale. Il gip ha ritenuto “elevatissimo, attuale e concreto il pericolo di specifica reiterazione criminosa”. La nota descrive come “negativa” la personalità dell’indagato e una “inquietante spregiudicatezza e totale assenza di freni inibitori nel sottoporre ad atti sessuali minori in tenerissima età”. Le indagini punteranno ad appurare anche come mai il 33enne avesse avuto un lavoro a contatto con bambini. L’uomo non risulta però avesse avuto precedenti in tal senso.

1 Novembre 2023

Condividi l'articolo