Indagano i carabinieri

Bimbo di 18 mesi trovato agonizzante in strada e morto in ospedale: giallo a Portogruaro

Cronaca - di Redazione - 12 Settembre 2023

CONDIVIDI

FOTO DI REPERTORIO
FOTO DI REPERTORIO

Un bambino di soli 18 mesi è morto all’ospedale di Portogruaro, in provincia di Venezia, dopo esser stato trovato agonizzante in strada e con un grosso ematoma alla testa dovuto ad un grave trauma, forse provocato da un incidente.

Il dramma è avvenuto nel tardo pomeriggio di lunedì, intorno alle 18:30, nella cittadina del Veneziano, poco lontano dall’abitazione in cui Bilal abitava con i genitori, una famiglia di origine serba. Su quanto accaduto stanno indagano i carabinieri, che hanno ascoltato i genitori del piccolo: una delle ipotesi, riferisce l’Ansa, è che il piccolo si sia allontanato senza essere visto fino ad arrivare alla strada e qui possa essere stato investito da un’auto, poi fuggita. Ma non si escludono altre piste, tra cui quelle di un incidente in ambito domestico.

Il bimbo di un anno e mezzo si era trasferito da poco, con i genitori ed altri familiari, nella frazione di Mazzolada di Portogruaro. L’Ansa spiega che a scoprire il bambino riverso a terra e in fin di vita sarebbe stata la madre, le cui grida hanno allerto gli altri parenti accorsi sul luogo del ritrovamento del bambino.

Bilal, stando al racconto della nonna e dello zio di cui riferisce l’Agi, si trovava nel cortile di una casa con i cuginetti e altri parenti quando sarebbe stato adagiato per gioco sul cofano di un’auto, da cui poi sarebbe caduto.

Le prime indicazioni medico-legali – riferiscono gli organi di stampa locali – parlerebbero di una lesione al capo da schiacciamento, compatibile con l’investimento da parte di un’autovettura. È da escludere invece che il bambino si possa essere ferito da solo: i carabinieri hanno inviato la segnalazione ai magistrati della Procura di Pordenone, competente territorialmente.

All’ospedale è stato presente agli accertamenti sanitari il medico legale, Antonello Cirnelli, che in mancanza di indicazioni coerenti e precise ha ritenuto di fare subito una Tac completa della salma. Nei prossimi giorni verrà svolta l’autopsia dopo la segnalazione alla procura, spiega il Corriere del Veneto. Autopsia disposta sul corpo di Bilal confermata all’Ansa dal procuratore facente funzioni di Pordenone Maria Grazia Zaina, “per verificare la versione dei genitori della caduta dall’alto“.

Il quesito specifico che abbiamo sottoposto al medico legale Antonello Cirnelli, incaricato dell’esame, sarà fondamentale – ha precisato il Procuratore -. Abbiamo chiesto se c’è compatibilità tra la morte del piccino e la caduta dall’alto riferita dai familiari. Oltre all’esame autoptico, stiamo procedendo con tutti gli altri esami di tipo tecnico, coordinati dai carabinieri“.

di: Redazione - 12 Settembre 2023

Condividi l'articolo