Caos a bordo

Cosa è successo sul volo Londra-Singapore, un morto e 30 feriti per una turbolenza dovuta al maltempo

Esteri - di Redazione - 21 Maggio 2024

CONDIVIDI

Cosa è successo sul volo Londra-Singapore, un morto e 30 feriti per una turbolenza dovuta al maltempo

Tragedia e panico a bordo di volo della Singapore Airlines diretto dallo scalo di Londra Heathrow e diretto a Singapore.

Una persona è morta e oltre una trentina sono rimaste ferite quando l’aereo, un Boeing 777-300ER, è incappato in una forte turbolenza dovuta al maltempo. Il velivolo è stato costretto a deviare la rotta per atterrare all’aeroporto di Bangkok, capitale della Thailandia, dove è arrivato intorno alle 15:45 locali. A bordo c’erano 211 passeggeri e 18 membri dell’equipaggio.

La Singapore Airlines porge le sue più sentite condoglianze alla famiglia del deceduto”, si legge in una nota pubblicata anche via socia dalla compagnia aerea asiatica, assicurando di voler “fornire l’assistenza medica necessaria” ai passeggeri. La compagnia non ha specificato quante persone siano rimaste ferite, l’entità delle ferite o se la vittima fosse un passeggero o un membro dell’equipaggio.

Diverso video pubblicati sulla piattaforma Line mostrano una fila di ambulanze dirette verso lo scalo thailandese: altri post condivisi su X mostrano anche l’interno del Boeing e il caos generato a bordo dalla turbolenza.

La turbolenza sul volo Londra-Singapore

Secondo quanto riferisce Sky News, citata da LaPresse, “l’aereo potrebbe aver colpito una sacca d’aria prima di dover effettuare l’atterraggio di emergenza”.

Il ministro dei Trasporti di Singapore, Chee Hong Tat, ha affermato che il governo fornirà assistenza ai passeggeri e alle loro famiglie. “Sono profondamente rattristato nell’apprendere dell’incidente a bordo del volo SQ321 della Singapore Airlines da Londra Heathrow a Singapore“, ha scritto su Facebook.

Intanto le autorità thailandesi hanno mandato ambulanze e squadre di emergenza all’aeroporto di Suvarnabhumi.

di: Redazione - 21 Maggio 2024

Condividi l'articolo