Femminicidio in divisa

Anzola Emilia, ex vigilessa uccisa dall’ex Comandante. Chi sono Sofia Stefani e Giampiero Gualandi: i due avevano una storia

I fatti in provincia di Bologna. La vittima è stata uccisa da un proiettile esploso da una pistola di ordinanza. La vicenda ha sconvolto l'intera comunità. Il cordoglio del sindaco Giampiero Veronesi

Cronaca - di Redazione Web - 16 Maggio 2024

CONDIVIDI

Anzola Emilia, ex vigilessa uccisa dall’ex Comandante. Chi sono Sofia Stefani e Giampiero Gualandi: i due avevano una storia

Una donna di circa 30 anni è morta uccisa da un colpo d’arma da fuoco nella sede della polizia locale di Anzola Emilia, in provincia di Bologna. Si tratterebbe di un’ex vigilessa, in passato in servizio al comando dell’Unione dei comuni. Sembra che avesse avuto una relazione con un altro ex appartenente al corpo, la cui posizione è al vaglio degli inquirenti. Il colpo sarebbe stato sparato da una pistola di ordinanza. Sul posto i carabinieri che stanno ricostruendo la dinamica dei fatti.

Anzola Emilia: ex vigilessa uccisa dall’ex Comandante

I carabinieri insieme alla polizia locale di Anzola Emilia stanno ricostruendo la dinamica di quanto successo nel pomeriggio negli uffici del comando dei vigili, dove una donna di 33 anni, ex vigilessa in servizio fino a mesi fa è morta uccisa da un colpo di una pistola di un’ordinanza di un collega. L’uomo, 60enne, che avrebbe avuto una relazione con lei, pure lui vigile urbano, avrebbe detto che il colpo è partito accidentalmente. Sono in corso accertamenti e sul posto ci sono anche il medico legale e il pm di turno, mentre la sede della polizia locale è stata transennata.

Chi sono Sofia Stefani e Giampiero Gualandi

Si chiamava Sofia Stefani la donna di 33 anni, ex vigilessa, uccisa da un colpo di pistola alla testa nella sede del Comando della polizia locale di Anzola Emilia, in provincia di Bologna. L’uomo su cui sono in corso accertamenti sarebbe Giampiero Gualandi, in passato comandante dei vigili di Anzola. Continua il sopralluogo delle forze dell’ordine alla ‘Casa Gialla‘, sede dei vigili, a due passi dal municipio.

La coppia aveva avuto una relazione

Sono davvero affranto e sotto shock per il fatto che una cosa del genere sia potuta succedere nel nostro Comune, attentissimo e sempre in prima linea contro la violenza sulle donne. Ci stringiamo attorno ai familiari di questa ragazza“. Lo dice a LaPresse il sindaco di Anzola Bolognese, Giampiero Veronesi, dopo la morte di una vigilessa di 33 anni uccisa da un colpo partito dall’arma di ordinanza di un collega, all’interno della ‘Casa Gialla‘, sede della polizia municipale del Paese.

16 Maggio 2024

Condividi l'articolo