50 anni fa la vittoria

Referendum sul divorzio, 50 anni fa “una magnifica battaglia”

La sconfitta della Dc, insieme alla vittoria delle donne, furono i risultati più importanti di quella battaglia grandiosa. Che davvero cambiò l’Italia. Perché cambiò la percezione che il paese aveva di se stesso.

Politica - di Redazione Web - 11 Maggio 2024

CONDIVIDI

Referendum sul divorzio, 50 anni fa “una magnifica battaglia”

Era il 13 maggio del 1974. È passato mezzo secolo. Quel giorno, contro tutte le previsioni della vigilia, i partiti laici stravinsero il referendum indetto dalla destra cattolica e dalla Dc per abolire il divorzio. Vinsero con quasi il 60 per cento dei voti contro il 40 ottenuto dagli antidivorzisti.

A favore dell’abrogazione del divorzio c’era la Dc diretta da Amintore Fanfani e il Msi di Almirante. Contro, tutti i partiti laici guidati dal piccolo partito radicale di Marco Pannella che in quell’occasione si affermò in Italia come forza politica decisiva nelle battaglie per i diritti civili. La campagna elettorale fu durissima. Un grande combattimento.

La Dc era convinta di stravincere, il Pci temeva la sconfitta. Ma il mondo cattolico subì una frattura fortissima. Grandi intellettuali, come Pietro Scoppola e Romano Prodi, molti sacerdoti (tra loro Balducci, Franzoni e Mazzi) si schierarono a favore dei divorzisti. E poi, nella battaglia irruppero i giovani.

La sconfitta della Dc, insieme alla vittoria delle donne, furono i risultati più importanti di quella battaglia grandiosa. Che davvero cambiò l’Italia. Perché cambiò la percezione che il paese aveva di se stesso. Il femminismo subì una fortissima impennata. E i movimenti politici e sociali, anche quelli sovversivi, trovarono fiducia in se stessi e spazio politico.

11 Maggio 2024

Condividi l'articolo