Il caso dell'ex sindaco

Mimmo Lucano aiutava gli ultimi, la sentenza

I giudici Lauro, Minniti e Palumbo, di Reggio Calabria, confermano la forzatura nell’utilizzo delle intercettazioni, effettuate al di fuori dai casi previsti dalla legge.

Giustizia - di Redazione Web - 13 Aprile 2024

CONDIVIDI

Mimmo Lucano aiutava gli ultimi, la sentenza

Inesistenti le prove con cui il Tribunale di Locri ha condannato in primo grado Mimmo Lucano, ex sindaco di Riace, a 13 anni e due mesi, addirittura il doppio della pena richiesta.

Le motivazioni della sentenza di appello, che ha cancellato il primo grado, demoliscono la credibilità di quel tribunale: non esiste prova dell’associazione a delinquere, né della truffa, né dell’arricchimento nel processo in cui era stato condannato l’inventore del modello Riace per l’accoglienza dei migranti.

I giudici Lauro, Minniti e Palumbo, di Reggio Calabria, confermano la forzatura nell’utilizzo delle intercettazioni, effettuate al di fuori dai casi previsti dalla legge.

13 Aprile 2024

Condividi l'articolo