La tragedia

Incendio in una palazzina a Livorno: un morto e sei intossicati

Prima un black out, poi le candele lasciate accese in un appartamento. Ecco cosa avrebbe scatenato il rogo che ha causato una vittima e alcuni feriti. Evacuati 11 appartamenti

Cronaca - di Redazione Web - 28 Febbraio 2024

CONDIVIDI

Incendio in una palazzina a Livorno: un morto e sei intossicati

Un 60enne è morto al pronto soccorso di Livorno in seguito all’incendio che questa notte ha devastato un palazzo di edilizia popolare di via Città del Vaticano, dove alcune persone sono state soccorse sul posto e altre a scopo precauzionale sono stati accompagnati in ospedale per inalazione da fumo. L’uomo era inquilino del piano sopra l’appartamento dove è scoppiato il rogo. Al momento dell’incendio il 60enne stava dormendo nel suo appartamento, dove abitava con la madre, e quando è stato soccorso era già in arresto cardiaco. La salma ora è a disposizione del magistrato. Gli accertamenti per stabilire le cause dell’incendio e della morte dell’uomo di 60 anni rimasto vittima del rogo, sono stati affidati ai carabinieri che sono al lavoro da stanotte sotto il coordinamento della procura che aprirà un fascicolo sulla vicenda.

Incendio in una palazzina a Livorno

Potrebbe essere stata una candela lasciata accesa inavvertitamente dopo il black out che ieri sera ha interessato tutto il quartiere, a scatenare il pauroso incendio che stanotte ha sconvolto la zona della Scopaia. Sono 11 in tutto gli appartamenti evacuati nell’immobile Casalp di via Città del Vaticano dai vigili del fuoco, e tutti inagibili e posti sotto sequestro. Secondo quanto è emerso dai primi accertamenti, ieri sera è mancata la corrente in tutto il quartiere per un duplice guasto Enel alla linea che porta l’elettricità alla zona della Scopaia, tant’è che sul posto era stata inviata anche la Protezione civile del comune di Livorno per gestire il black out. Sono stati proprio gli uomini della Protezione civile che erano là i primi ad intervenire e a soccorrere gli inquilini del palazzo in fiamme.

Perché è scoppiato l’incendio a Livorno

Sul posto a seguire la situazione è andato anche il sindaco Luca Salvetti. “È stata una notte drammatica – spiega Salvetticon una concatenazione di cause che hanno portato a questa tragedia. Prima il blackout che verso l’ora di cena ha fatto saltare la luce in tutto il quartiere, con i tecnici Enel al lavoro che alle 2 di notte hanno ripristinato la corrente. Nel frattempo è scoppiato l’incendio, forse per alcune candele lasciate accese in un appartamento dove abitano due inquilini che sono seguiti dai servizi Asl, e che sono andati a letto dimenticandosele“.

Incendio in una palazzina a Livorno: le parole del sindaco Salvetti

Salvetti sottolinea che “sul posto c’erano gli uomini della Protezione civile a presidiare il quartiere al buio e che sono stati i primi a intervenire e a far uscire le persone. Naturalmente siamo arrivati lì e abbiamo gestito le famiglie evacuate, gli otto nuclei familiari sono stati alloggiati nella vicina parrocchia di don Raffaello con Svs e Misericordia che hanno dato il loro supporto sanitario, e poi alcuni sono stati accolti da parenti e amici e gli altri sono stati presi in carico dalla protezione civile“.

28 Febbraio 2024

Condividi l'articolo