Gli spari

Giancarlo Romano e Salvo Alessio Caruso: chi sono le vittime dell’agguato di Palermo

I fatti accaduti ieri sera. Indaga la squadra mobile: probabile che in ballo ci sia la contesa delle piazze di spaccio

Cronaca - di Redazione Web - 27 Febbraio 2024

CONDIVIDI

Giancarlo Romano e Salvo Alessio Caruso: chi sono le vittime dell’agguato di Palermo

È di un morto e un ferito grave trasportato al pronto soccorso del Buccheri La Ferla il bilancio della sparatoria avvenuta allo Sperone a Palermo ieri sera. Sono in corso le indagini per stabilire il movente. I due uomini sono stati raggiunti da diversi colpi di pistola. Sul posto è giunto medico legale per l’ispezione cadaverica. la persona ferita è stata colpita all’addome ma sarebbe cosciente. Le indagini sono condotte dalla Squadra mobile. Decine le persone accorse sul luogo della sparatoria. Sono appena arrivati anche parenti e gli amici delle vittime.

Spari in strada a Palemo: un morto e un ferito

Chi ha perso la vita si chiama Giancarlo Romano, 37 anni, ad essere stato ferito Salvo Alessio Caruso. Ora si trova in ospedale in gravissime condizioni. Tra le piste seguite c’è quella dei contrasti tra organizzazioni criminali che si contendono la piazza di spaccio della droga. Secondo quanto riportato da Palermo Live, i fatti sono accaduti in Corso dei Mille: i killer si sarebbero avvicinati ai bersagli che avrebbero tentato inutilmente la fuga.

Chi sono Giancarlo Romano e Salvo Alessio Caruso: vittime dell’agguato a Palermo

Nello stesso posto si troverebbe la tabaccheria gestita da Romano. Ma la corsa delle vittime è durata poco. I due uomini hanno raggiunto il 37enne e Caruso in via XXVII Maggio. I killer, pare che fossero in due, hanno esploso diversi colpi d’arma da fuoco andati a segno. Romano, ritenuto vicino al boss Antonino Lo Nigro, è deceduto. Caruso, invece, è grave ma non sarebbe in pericolo di vita. Per la sparatoria sarebbero stati fermate due persone, padre e figlio ma è possibile che siano state coinvolte altre persone.

27 Febbraio 2024

Condividi l'articolo