Il lutto

Chi è e come è morto Ernesto Assante: addio al geniale critico musicale

Ieri sera la notizia data da La Repubblica, quotidiano per il quale scriveva il giornalista e musicologo. Memorabili tantissime delle sue interviste fatte ai più grandi artisti, cantautori e musicisti. È stato anche scrittore, autore musicale e curatore di mostre artistiche

Cultura - di Redazione Web - 27 Febbraio 2024

CONDIVIDI

Chi è e come è morto Ernesto Assante: addio al geniale critico musicale

Le sue pagelle di Sanremo 2024 sono state come sempre un punto di riferimento per tutti gli addetti ai lavori e gli appassionati del festival. Le sue lezioni sul rock, con il sodale di sempre Gino Castaldo, hanno offerto un mix di storia, video di archivio, sguardo contemporaneo, competenza e ironia. Le sue passioni di sempre, la musica e la tecnologia. È morto ieri sera a Roma Ernesto Assante, storica firma di Repubblica, giornalista, musicologo, blogger, critico attento e raffinato. Aveva compiuto da qualche giorno, il 12 febbraio, 66 anni. Ieri sera – scrive il sito di Repubblica – è stato colpito da un ictus: è stato ricoverato immediatamente in ospedale, ma le cure si sono dimostrate inutili.

Chi è Ernesto Assante

Lascia la moglie, Eleonora, e due figlie. Nato a Napoli nel 1958, dopo gli inizi in radio, dalle prime emittenti rock romane a Radio 1 e a Sterenotte, e l’esperienza come critico musicale del Manifesto, nel 1979 Assante è arrivato a Repubblica, dove è stato critico musicale e poi caporedattore, inventore del settimanale Musica, ideatore di Computer Valley e Computer, Internet e Altro e direttore di McLink e Kataweb. Ha collaborato anche con settimanali come Epoca, L’Espresso, Rolling Stone e di recente con Rockol. Ha curato alcune voci relative al pop e al rock per la Treccani. In tv è stato consulente musicale per Domenica In, Orecchiocchio, Doc e autore di Sanremo Rock e del Cantagiro.

Come è morto Ernesto Assante

Ha collaborato in Rai anche a programmi come L’importante è avere un piano con Stefano Bollani, Una storia da cantare con Enrico Ruggeri e Bianca Guaccero e Ci vuole un fiore con Francesco Gabbani e Francesca Fialdini. Ha firmato la prima edizione del Pavarotti & Friends nel 1992 e numerosi show con Fabrizio Frizzi, Eleonora Brigliadori, Renzo Arbore, Milly Carlucci, Elisabetta Gardini, Loretta Goggi. Ha realizzato, come ideatore e autore, sette edizioni del Premio Italiano per la Musica di Italia 1 condotte da Serena Dandini e Linus. Dal 2013 è stato ideatore, autore e conduttore, con Gino Castaldo, di Webnotte, trasmissione dal vivo online su Repubblica.it e su Facebook e in onda su Radio Capital Tv.

Ernesto Assante: la carriera, la moglie e le figlie

Ha curato On the Road, mostra dedicata a Jack Kerouac, con l’esposizione del manoscritto originale del libro, nello spazio Auditorium Arte di Roma; Digital Music Experience al MAXXI di Roma; Lucio Dalla, immagini e suoni al Complesso del Vittoriano a Roma; 1969, parole, musica, immagini nello spazio Auditorium Arte di Roma. Numerosi i saggi che ha firmato, alcuni dei quali in coppia con Castaldo, con il quale dal 2005 ha tenuto a Roma le celebri Lezioni di rock. Viaggio al centro della musica: i più recenti usciti lo scorso anno, Bruce Springsteen – Il Boss in parole e immagini (White Star), e Lucio Battisti (Mondadori), una biografia del geniale autore di “Emozioni” che lo scorso 5 marzo avrebbe compiuto 80 anni. Dal 2003 al 2009 Assante ha insegnato Teoria e tecnica dei nuovi media e poi Analisi dei linguaggi musicali alla facoltà di Scienze della comunicazione dell’università la Sapienza a Roma.

27 Febbraio 2024

Condividi l'articolo