Il video diventato virale

Il Taranto giocherà a Teramo, il tifoso 84enne Carmine: “Da 75 anni vengo allo stadio, non potete andare a 500km di distanza”

Lo stadio della città pugliese dovrà essere adeguato per ospitare i Giochi del Mediterraneo dal 13 al 22 giugno 2026

Sport - di Piero de Cindio - 15 Febbraio 2024

CONDIVIDI

Il Taranto giocherà a Teramo, il tifoso 84enne Carmine: “Da 75 anni vengo allo stadio, non potete andare a 500km di distanza”

Sta riscuotendo in queste ore tra i tifosi di tutta Italia molta tenerezza e affetto l’accorato appello di Carmine, 84enne grandissimo tifoso del Taranto. L’anziano, intervistato da Antenna Sud, ha detto “Mi rivolgo ai signori politici per favore sono 75 anni che vengo allo stadio continuamente ho biglietti e abbonamenti, ho diritto di vedermi la mia partita qui a Taranto“. La vicenda alla quale fa riferimento il signor Carmelo è quella del concreto rischio per il Taranto di dover disputare le partite casalinghe della prossima stagione allo stadio di Teramo, città a circa 500km di distanza dalla città pugliese. L’appassionato Carmelo si rivolge ai politici per scongiurare questo scenario: “Io non posso mancare quello che mi resta da vivere, perché dovete togliermi il gusto di vedere il mio Taranto, il mio colore, datevi da fare, se no vi maledirò per l’eternità quando sarò lassù“. Il signor Carmelo che si è fatto portavoce del disagio che questa soluzione potrebbe portare si dice anche disposto a “Posso mettere anche io 100 euro al mese per lo stadio, per lo stadio ma mi devono dare la possibilità di vedere la partita“.

PERCHÉ IL TARANTO GIOCHERÀ LE GARE CASALINGHE A TERAMO

Il Taranto, che milita nel girone C della Serie C ed attualmente è quarto in classifica, dovrebbe giocare le prossime due stagioni allo stadio Gaetano Bonolis di Teramo, città dell’Abruzzo lontana quasi 500km dalla città pugliese. Questo perché al termine di questa stagione inizieranno i lavori di adeguamento allo stadio Iacovone e che termineranno nel 2026. I lavori dovranno essere effettuati per i XX Giochi del Mediterraneo che si svolgeranno nella città pugliese dal 13 al 22 giugno del 2026.

LA REAZIONE DEL PRESIDENTE DEL TARANTO

Anche il presidente della società Massimo Giove è sulla stessa linea: “Sono deluso e mortificato. Parlo ormai da anni di questo problema, dialogando con il ministro Abodi, con Malagò e con Gravina. Tuttavia, altri avrebbero dovuto pensare in precedenza a questa situazione, ma non è stato fatto e i tempi stringono. I lavori allo Iacovone coinvolgeranno quattro settori in contemporanea, rendendolo inagibile per gare e allenamenti“. Il presidente Giove ha indicato gli step di quello che potrebbe accadere: “Abbiamo raggiunto un’intesa di massima con Teramo e a fine anno valuteremo insieme a mister Capuano la possibilità di utilizzare un centro sportivo lì vicino. Inoltre, lo stadio di Teramo è omologato anche per la Serie B. Così tanti chilometri di distanza significherebbe perdere sponsorizzazioni e incassi, ma dobbiamo preservare il calcio tarantino. Altre soluzioni in provincia? Abbiamo effettuato delle ricerche molto serrate, ma i campi non sono omologati per la Serie C. Il presidente della FIGC Gravina si è prodigato affinché venga trovata una soluzione e stiamo lavorando con il Governo e con il Commissario Ferrarese, ma fin ora è tutto in alto mare“.

15 Febbraio 2024

Condividi l'articolo