La band multietnica

BabelNova Orchestra, storia della band multietnica che duetta a Sanremo con Dargen D’Amico

Spettacoli - di Redazione Web - 9 Febbraio 2024

CONDIVIDI

BabelNova Orchestra, storia della band multietnica che duetta a Sanremo con Dargen D’Amico

Dargen D’Amico ha scelto la multietnica BabelNova Orchestra per la serata dei duetti a Sanremo 2024. Una scelta in continuità con il tema della sua “Onda Alta” che racconta il dramma dei migranti in mare. Insieme faranno un omaggio a Ennio Morricone. L’artista milanese di esibirà insieme all’orchestra romana guidata dal contrabbassista Pino Pecorelli. Si tratta di una formazione di 12 musicisti provenienti da tutto il mondo che ha scelto di dedicarsi a un percorso di ricerca di nuovi linguaggi musicali.

Cos’è la BabelNova Orchestra

“Una Babele contemporanea che non teme il caos generato dalla pluralità di linguaggi ma trova nella Musica la lingua madre che celebra la molteplicità di suoni dal Mondo”. Recita la descrizione del progetto della BabelNova Orchestra. Un progetto che segue l’esperienza ventennale dell’Orchestra di Piazza Vittorio. Si tratta di una formazione di 12 musicisti provenienti da tutto il mondo che ha scelto di dedicarsi a un distintivo percorso di ricerca di nuovi linguaggi musicali. Prediletta la forma collettivistica dell’ensemble a discapito della dimensione gerarchica dell’orchestra.

E’ composta da musicisti italiani di esperienza e anche alcuni musicisti più giovani, di seconda generazione. Il gruppo si esibisce in musiche che vanno verso varie direzioni mantenendo solida l’ispirazione world, variando tra il pop mediterraneo, reminiscenze sufi, fiati jazz, chitarre rockeggianti, accenni di cumbia, esplosioni mariachi, ritmi dub costituiscono un esaltante vortice generato dall’incontro fra lo scirocco e il meltemi, l’hurricane e lo zephiros.

BabelNova a Sanrremo 2024 con Dargen D’Amico

“Oggi è quel giorno che ognuno di noi attende da tanto tempo. Inutile girarci intorno: salire sul palco dell’Ariston è una cosa che ti fa girare la testa e ti dà un’adrenalina pazzesca – hanno scritto i BabelNova sul loro profilo Facebook alla vigilia della loro esibizione sul palco dell’Ariston – Poterlo fare con la musica dell’immenso Ennio Morricone e le bellissime parole dell’ormai nostro amico Dargen D’Amico è una responsabilità che ci onora e ci restituisce il senso dell’importanza delle nostre storie personali e di gruppo. Incontrarsi, guardarsi, ascoltarsi e condividere sono il motore dell’umanità. Non è l’odio, non è la rabbia o l’egoismo a muovere il mondo. È quella inevitabile necessità degli essere umani di cercare la felicità, ovunque essa sia. E noi continueremo a farlo, come sentirete stasera.W Dargen!”.

L’incontro con Dargen D’Amico

Racconta Dargen D’Amico a TgCom24: “Ho scoperto artisticamente i musicisti della BabelNova Orchestra una decina di anni fa, quando suonavano nell’Orchestra di Piazza Vittorio. Mi piaceva molto questo suono che nasce dal dialogo tra culture e ho continuato a seguire con curiosità l’evoluzione delle loro storie. Provo una forte passione per le fotografie e loro sono una fotografia del mondo e di come la musica sia un continuo viaggio di ritorno alla tradizione di ogni cultura”.

9 Febbraio 2024

Condividi l'articolo