Le indagini

Omicidio di Manuel Millefanti, fermato l’amico Luca De Bonis: il 33enne incastrato da un selfie

Il giovane ucciso con una coltellata, diverse le testimonianze e gli elementi che proverebbero che i due sono stati insieme la notte del delitto

Cronaca - di Redazione Web - 23 Gennaio 2024 alle 16:47

Manuel Millefanti e Luca De Bonis

Un selfie davanti a un tavolo pieno di bottiglie, pubblicato su Facebook. Così Luca De Bonis, 33 anni, di Appiano Gentile, fermato ieri sera per l’omicidio di Manuel Millefanti, aveva annunciato sui social l’inizio della serata a casa dell’amico poi terminata in tragedia. De Bonis, una lunga serie di precedenti per droga, dopo un pomeriggio passato in caserma ha deciso di fare parziali ammissioni e il magistrato di turno ha deciso il fermo per omicidio.

Un delitto d’impeto tra i fumi dell’alcol, probabilmente nato per futili motivi. Al 33enne i carabinieri sono arrivati perché Millefanti, telefonando alla madre nel tentativo disperato di chiedere aiuto, era riuscito a fare un nome, Luca. De Bonis è stato trovato mentre camminava in paese ed è stato portato in caserma: le prove che fosse stato a casa della vittima quella sera erano lampanti. C’era la testimonianza dell’amico che li aveva accompagnati in macchina (a Millefanti avevano ritirato la patente) e c’era la foto su Facebook.

Da quanto è emerso finora, a uccidere il 43enne di Oltrona di San Mamette è stata una sola coltellata, dall’alto verso il basso. Ulteriori particolari arriveranno dall’autopsia disposta dalla Procura.

23 Gennaio 2024

Condividi l'articolo