In provincia di Napoli

Torre del Greco, abusava del nipote 11enne: l’orrore scoperto dai genitori della vittima

La denuncia e le indagini, lo zio 36enne finito in arresto avrebbe costretto il ragazzino anche a girare dei video

Cronaca - di Redazione Web - 10 Gennaio 2024 alle 13:13

FOTO DI REPERTORIO
FOTO DI REPERTORIO

Per capire cosa stesse accadendo, i genitori hanno preso il ‘posto’ del loro figlio di soli 11 anni e hanno iniziato a rispondere ad alcuni messaggi che ai loro occhi apparivano equivoci. Così facendo, hanno scoperto come i sospetti sui rischi che stava correndo il ragazzino nel rapporto con lo zio erano reali. Hanno allora presentato denuncia e dato il via alle indagini che oggi hanno subito una decisa svolta.

A Torre del Greco (località in provincia di Napoli), infatti, i carabinieri della locale stazione Capoluogo, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal giudice per le indagini preliminari (gip) del tribunale di Torre Annunziata (cittadina vesuviana nel Napoletano) su richiesta della Procura, hanno arrestato un uomo di 36 anni. L’inchiesta, scattata a seguito delle denunce presentate dalla madre dell’undicenne, già a partire dal mese di maggio del 2022, hanno permesso di accertare come l’indagato, approfittando del rapporto parentale che lo legava alla giovanissima vittima, avrebbe indotto quest’ultima a subire atti sessuali e a girare video.

Dalle indagini è inoltre emerso che il 36enne avrebbe invitato il ragazzino a non dire nulla ai genitori, i quali sono però riusciti a scoprire quello che stava accadendo ai danni DEL figlio spacciandosi per lui e rispondendo a messaggi che lo zio aveva inviato e che Ii avevano fatti insospettire. L’uomo è stato portato nel carcere napoletano di Poggioreale.

10 Gennaio 2024

Condividi l'articolo