La forza delle donne

Cremlino: fiori e candele dalle mogli dei soldati russi per i mariti in guerra in Ucraina

È stata una protesta simbolica: hanno deposto fiori rossi alla fiamma del milite ignoto. Un modo per chiedere il ritorno a casa dei loro consorti. L'iniziativa potrebbe ripetersi ogni sabato

Esteri - di Redazione Web - 7 Gennaio 2024

CONDIVIDI

Cremlino: fiori e candele dalle mogli dei soldati russi per i mariti in guerra in Ucraina

Le mogli dei russi richiamati per combattere in Ucraina si sono mobilitate con una protesta simbolica: hanno deposto fiori rossi alla fiamma del milite ignoto sotto le mura del Cremlino per chiedere il ritorno dei loro mariti dal fronte. Un’iniziativa che, annunciano, sarà ripetuta tutti i sabati. Tra loro cresce la rabbia per i riservisti inviati a combattere su ordine di Vladimir Putin nel settembre 2022, un argomento delicato per le autorità che finora sono state attente a non reprimere quello che porterebbe divenire un movimento di rivolta. Oggi erano una quindicina: hanno sfidato il freddo e – racconta l’Afp – hanno deposto i fiori rossi su un luogo simbolo importante nel cuore di Mosca.

Vogliamo attirare l’attenzione delle autorità e del pubblico sul nostro appello. Abbiamo provato diversi mezzi. Abbiamo lanciato un appello scritto a deputati, funzionari, amministrazioni, ma non siamo state ascoltate“, ha raccontato Maria, 47 anni. Suo marito è stato mobilitato nel novembre 2022, più di un anno fa: “Non è giusto. Sono civili, non sono soldati, non possono restare lì così a lungo“, racconta alla France Press. La polizia non ha interferito anche se in Russia ogni inizio di protesta viene solitamente represso, segno che la questione è delicata per il Cremlino.

Paulina, madre di un bambino di un anno, sottolinea che la loro azione è “l’unica azione pacifica che non sia stata ancora vietata dalla legge: ho l’impressione che li disturbiamo. Ma nessuno resterà in silenzio. Usciremo tutti i giorni, ogni sabato, deporremo fiori” per attirare l’attenzione, continua. L’attivismo delle donne dei soldati mobilitati – quasi 250 mila quelli al fronte secondo gli ultimi dati forniti da Putin – è stato ampiamente ignorato dai media statali russi, mentre il Cremlino desidera mostrare un’immagine di unità attorno al presidente anche in vista delle prossime elezioni di marzo.

7 Gennaio 2024

Condividi l'articolo