Ad Arzachena

Ucciso a bastonate dal figlio, l’orafo Giovanni Fresi colpito in strada dopo lite: 35enne arrestato

Tragedia di inaudita violenza in Gallura. Il 58enne finito a colpi di bastone alla testa. Il 35enne arrestato avrebbe problemi di abusi di alcol e droghe

Cronaca - di Redazione Web - 28 Dicembre 2023 alle 10:34

FOTO DA FACEBOOK (BOTTEGA ORAFA GIOVANNI FRESI)
FOTO DA FACEBOOK (BOTTEGA ORAFA GIOVANNI FRESI)

Giovanni Fresi è stato ucciso a bastonate. Era un noto orefice di Arzachena, in Gallura, aveva 58 anni. Per l’omicidio è stato arrestato dai carabinieri del nucleo radiomobile di Olbia Michele Fresi, il figlio 35enne della vittima. L’assassinio, secondo quanto riferito dai militari, sarebbe scaturito dopo l’ennesima lite in famiglia. La notizia è stata riportata da L’Unione Sarda.

L’omicidio si è consumato la scorsa notte, intorno all’1:30, nei pressi dell’ingresso di un locale in viale Costa Smeralda. Il quotidiano riporta che il 35enne soffrirebbe di problemi di abusi di alcol e droghe. Secondo quanto riportato da una prima ricostruzione, il giovane avrebbe dato in escandescenze e il padre sarebbe intervenuto sul posto con i Carabinieri per cercare di calmare il figlio. Non era la prima volta che succedeva: di solito il padre riusciva a riportare alla calma il figlio e a farlo tornare a casa.

Fresi sarebbe stato colpito ripetutamente alla testa con un bastone, con efferata violenza. Il figlio avrebbe raccolto il bastone da terra. Sarebbe stato bloccato dai carabinieri grazie all’uso di pistole elettriche. È stato trasferito presso la caserma di Olbia. Nell’intervento sono rimasti feriti anche una donna e due militari, trasportati in ospedale. Il quotidiano parla di un omicidio di inaudita violenza.

28 Dicembre 2023

Condividi l'articolo