Incidente fatale

Morto Luciano Bifulco, il “re” delle carni di Ottaviano: la tragedia alla vigilia di Natale

Cronaca - di Redazione - 24 Dicembre 2023

CONDIVIDI

Morto Luciano Bifulco, il “re” delle carni di Ottaviano: la tragedia alla vigilia di Natale

Luciano Bifulco, noto macellaio, proprietario dell’omonima bramerai con sede ad Ottaviano, in provincia di Napoli, è morto. Quaranta anni compiuti da poco, lascia moglie e tre figli.

Bifulco è morto questa mattina presso l’ospedale di Nola: era arrivato al nosocomio alle prime luci di oggi, domenica 24 dicembre, dopo un incidente avvenuto nella notte all’interno del suo stesso locale e di cui non sono ancora chiare del tutto le circostanze.

Proveniente da una famiglia di macellai, il padre ancora oggi gli dava un mano nella sua braceria, gestiva l’attività di grandissimo successo assieme al fratello Nando.

Dalla macelleria aveva aperto dapprima una piccola braceria contigua al negozio, poi l’apertura nel 2016 della prima grande bramerai diventata un vero e proprio ristorante di carne, apprezzato per la selezione della materia prima. Quindi il salto anche a Napoli con l’inaugurazione nel cuore di Chiaia, in Piazza San Pasquale, Bif Burger Family Farm, progetto quest’ultimo portato avanti dal fratello Nando, ma anche l’allargamento del business con l’acquisizione dell’azienda Carmasciando.

Tanti anche i messaggi di cordoglio apparsi sui social quando ha iniziato a diffondersi la notizia della morte di Bifulco. “No Luciano, no amico mio, mi si è spezzato il cuore, sto piangendo di brutto, io e Teresa ti volevamo troppo bene“, scrive Egidio Cerrone, titolare della nota catena Puok e Med.

Tra i primi messaggi di cordoglio per la scomparsa del ristoratore e macellaio quello di Giovanni Sorrentino di Gerani Restaurant: “Apprendiamo con dolore e immenso dispiacere la prematura scomparsa di Luciano Bifulco, Braceria Bifulco. Grande “chianchiere” come amavano definirlo i suoi amici scherzosamente e grande ristoratore. Il suo costante lavoro alla ricerca della qualità ha cambiato per sempre la concezione della carne in Campania e la sua resta una perdita incolmabile per tutta la ristorazione campana e italiana. A nome mio e di tutto lo staff di Gerani ci stringiamo al dolore della sua famiglia e speriamo che trovino conforto per questo dolore immenso nell’amore e nell’affetto che stanno testimoniando tutti quelli che l’hanno conosciuto“.

 

di: Redazione - 24 Dicembre 2023

Condividi l'articolo