Live Streaming Child Abuse

Abusavano dei figli, filmavano e vendevano i video online: arrestati padre e madre

Si facevano pagare per i contenuti in diretta: abusi sessuali sui due minori commissionati al momento. Anche un italiano tra chi avrebbe acquistato i video

Cronaca - di Redazione Web - 16 Dicembre 2023

CONDIVIDI

FOTO DA TWITTER (POLIZIA DI STATO)
FOTO DA TWITTER (POLIZIA DI STATO)

Due persone, un uomo e una donna, sono stati arrestati con l’accusa di girare video in cui abusavano dei figli e di vendere quei contenuti online. È successo a Varese. L’uomo è stato trasferito subito in carcere, per la donna disposto l’obbligo di firma e il divieto di espatrio dall’Italia. Entrambi sono di origini filippine. Le misure cautelari sono state eseguite dal personale del C.N.C.P.O. e della Sezione Operativa per la Sicurezza Cibernetica di Varese.

Le indagini sono scattate a partire da alcuni controlli della Guardia di Finanza: movimenti sospetti secondo l’Unità di Informazione Finanziaria (UIF) della Banca d’Italia e successivamente confermata da ulteriori informazioni giunte dalla Homeland Security Investigation (HSI) statunitense. L’indagine in cooperazione internazionale di polizia riguardava un network di soggetti coinvolti nel Live Streaming Child Abuse.

Secondo le ricostruzioni gli accusati avrebbero ricevuto versamenti da account PayPal riconducibili a utenti europei per poter assistere a “spettacoli” video in diretta, consistenti in veri e propri abusi sessuali su minori, commissionati sul momento dagli utenti interessati. Anche un cittadino italiano tra gli utenti pedofili, che tra il 2019 e il 2020 avrebbe effettuato pagamenti per acquistare filmati preregistrati e spettacoli live con i due minorenni vittime di abusi.

Lo scorso novembre è scattata la perquisizione domiciliare e informatica sui dispositivi sequestrati a uno degli indagati. Le forze dell’ordine hanno fatto sapere che dalle analisi sarebbero emersi indizi inequivocabili degli abusi perpetrati dalla coppia nei confronti dei bambini. Secondo quanto denunciato la donna, nel periodo in cui viveva all’estero, si sarebbe occupata di trasmettere in diretta dietro pagamento i video che ritraevano le violenze nei confronti dei suoi due figli.

 

16 Dicembre 2023

Condividi l'articolo