Dal 24 al novembre

Nuova Orchestra Italiana: il ritorno a Napoli della formazione cult di Renzo Arbore, all’Augusteo con Gino Riveccio

Fino al 3 dicembre, nel centro di Napoli. Uno spettacolo che ripropone buona parte del nucleo originario della Noi e tutto il suo repertorio di capolavori della musica napoletana. Riveccio parteciperà al debutto

News - di Redazione Web - 22 Novembre 2023

CONDIVIDI

DSC_0350 Nuova Orchestra Italiana_Napoli23_ph© Tittoi Fabozzi (1)
DSC_0350 Nuova Orchestra Italiana_Napoli23_ph© Tittoi Fabozzi (1)

E insomma riparte da tre, la Nuova Orchestra Italiana, NOI, che da venerdì 24 novembre a domenica 3 dicembre andrà in scena al Teatro Augusteo di Napoli, in pieno centro, con lo spettacolo “Napoli, tre punti e a capo”, uno spettacolo prodotto da MusicaèManagement di Gianni Oliviero e da Gestioni attività teatrali srl – Teatro Augusteo inserito nell’ampio ed eterogeneo programma di attività di Napoli Città della Musica. Per il debutto la NOI sarà accompagnata dalla partecipazione straordinaria dell’attore Gino Riveccio.

Il ritorno in grande stile all’Augusteo è stato anticipato da un flash mob musicale che si è tenuto nella Galleria Umberto I, proprio di fronte al Teatro dove si terrà lo spettacolo. “Lo spettacolo ‘Napoli, tre punti e a capo’ segna il ritorno dell’Orchestra Italiana con una nuova produzione tutta napoletana, che unisce diverse realtà campane coordinate da Enzo Barile, a cui va un doveroso ringraziamento. Dopo il debutto al Teatro Augusteo, dove terremo nove repliche nell’arco di due settimane, dalla prossima primavera porteremo lo spettacolo in giro per l’Italia e anche all’estero”, ha dichiarato Oliviero.

Sul palco buona parte dell’Orchestra originaria che con Renzo Arbore ha girato il mondo da New York a Buenos Aires, da Londra a Parigi passando per Tokyo, Mosca, Rio de Janeiro, Toronto, Montreal, Caracas, Sidney, Melbourne, Shanghai e Pechino. Le voci di Gianni Conte e Barbara Buonaiuto, i virtuosismi vocali e ritmici di Giovanni Imparato, la direzione orchestrale, il pianoforte e la voce di Massimo Volpe, le chitarre e le voci di Giordano Esposito, Michele Montefusco, Marco Manusso, Nicola Cantatore, le percussioni e la voce di Peppe Sannino, la batteria e la voce di Roberto Ciscognetti, il basso e la voce di Massimo Cecchetti, gli struggenti e festosi mandolini e le voci di Raffaele La Ragione, Salvatore Esposito e Salvatore della Vecchia.

Riveccio, comico e attore napoletano, imitatore tra i più apprezzati, ha espresso la sua felicità nel partecipare al progetto. Ha paragonato Renzo Arbore e il suo lavoro con la musica della tradizione napoletana a quello dell’allenatore Luciano Spalletti, che nella scorsa stagione ha portato al terzo scudetto nella storia degli Azzurri. “Il grande Renzo è stato il creatore dell’Orchestra Italiana, l’inventore del suo gioco musicale, il grande allenatore che l’ha plasmata, un po’ come Spalletti per il Napoli – dichiara Rivieccio – Io subentro dopo, ma spero di fare meglio di Garcia. Avrò l’onore di condividere il palcoscenico con grandi professori d’orchestra, grandi artisti e mi riserverò solo dei brevi spazi per lasciare il campo al pallone d’oro della musica, ovvero il grande repertorio della canzone napoletana”.

Non mancheranno nella scaletta le pietre miliari del patrimonio musicale napoletano. Capolavori come “Torna a Surriento”, “Era de Maggio”, “’O paese d’‘o sole”, “Luna rossa”, “Comme facette mammeta”, “’O Sarracino”, insieme alle più recenti composizioni “Cocorito” e “Aumm aumm”.

Il costo dei biglietti: platea 35 euro e galleria 25

Info e botteghino: tel. 081414243

link per acquisto online: https://www.bigliettoveloce.it/spettacolo?id=5733

22 Novembre 2023

Condividi l'articolo