Il dramma in pochi istanti

Spara e uccide la compagna del fratello, poi va dai carabinieri: “Sono stato io”

Cronaca - di Redazione Web - 25 Luglio 2023

CONDIVIDI

FOTO DI REPERTORIO
FOTO DI REPERTORIO

E’ entrato in casa e ha sparato. Poi è andato dai carabinieri e ha confessato tutto. Un dramma consumato in pochi istanti: un uomo ha sparato a una donna si circa 40 anni e l’ha uccisa. Non è ancora chiara l’esatta dinamica del femminicidio avvenuto stamattina a Fossombrone nella provincia di Pesaro Urbino, in una zona di campagna. Secondo le prime informazioni raccolte dall’Ansa, la vittima sarebbe la cognata dell’uomo che ha sparato.

Non è chiaro cosa abbia fatto scatenare quella follia. In mattinata l’uomo è entrato nella casa della cognata con la pistola e ha sparato verso la donna 40enne uccidendola. Secondo le prime informazioni, lei era la compagna del fratello dell’uomo, che subito dopo si è costituito. Sarebbe entrato nella caserma dei carabinieri con la pistola ancora in mano e ha confessato. Sono tutte da chiarire le circostanze in cui è avvenuto l’episodio, sul quale stanno indagando i carabinieri.

Secondo  quanto riportato dall’Ansa, il fatto è avvenuto intorno alle 10.30, in una villetta bifamiliare in campagna, dove la vittima, una donna di 40 anni, abitava insieme al compagno e alla figlia piccola al piano terra, mentre l’omicida, 47 anni, ex falegname attualmente disoccupato, viveva da solo. Non si sa nulla al momento del movente: il 47enne ad un certo punto ha estratto la pistola, regolarmente detenuta, e ha sparato un colpo in testa alla donna, poi à andato subito nella caserma dei carabinieri, dove ha consegnato l’arma. Sul fatto indagano i carabinieri della Compagnia di Fano, guidata dal capitano Maximiliano Papale, e il Reparto operativo del Comando provinciale di Pesaro. Sul luogo si è recata anche la pm titolare dell’inchiesta, Simonetta Catani della Procura di Urbino. Un fatto di sangue che ha lasciato sotto choc la piccola comunità di Fossombrone, poco più di 9.500 abitanti, dove tutti si conoscono e dove tutti conoscono i protagonisti della vicenda: “brave persone, gente che lavora”.

In aggiornamento…

25 Luglio 2023

Condividi l'articolo