Figlio di Hollande attacca Valerie

thomas hollande
12 luglio 2012
A - A
«Allucinante», «grave», «ha distrutto l'immagine di mio padre»: Thomas Hollande, il figlio del presidente, Francois Hollande, e della sua ex compagna, Segolene Royal, parla per la prima volta, in un'intervista al settimanale Le Point, dell'ormai famigerato tweet contro sua madre pubblicato dalla premiere dame di Francia, Valerie Trierweiler.

Poi però, egli stesso, rilascia una dichiarazione all'agenzia stampa Afp smentendo i contenuti del giornale: «Ha deformato le mie parole». «(Il tweet di Valerie, ndr.) mi ha fatto male per mio padre: odia che si parli della sua vita privata - ha detto, secondo quanto riportato da Le Point, Thomas, 27 anni, avvocato, che si è molto impegnato al fianco di Hollande durante la campagna presidenziale -. Ha distrutto l'immagine normale che aveva costruito».

E ha aggiunto: «Sapevo che (Valerie, ndr.) poteva fare qualcosa un giorno ma non immaginavo una cosa così grave. È allucinante». E ancora: «Quello che mi dà fastidio del tweet è che ha catapultato la vita privata nella vita pubblica».

Secondo Thomas anche Hollande è rimasto «attonito» dal comportamento di Valerie. Quest'ultima nelle scorse settimane ha scatenato un putiferio, guadagnandosi l'appellativo di 'premiere gaffe« di Francia, pubblicando su twitter un messaggio di incoraggiamento a Olivier Falorni, il dissidente socialista che si è schierato (e ha infine vinto) nelle elezioni legislative nella circoscrizione de La Rochelle, nell'ovest del paese, contro Segolene, dopo che Hollande aveva annunciato il suo pieno sostegno alla sua ex.

Per Thomas »è logico« che lui, suo fratello Julien e le sue due sorelle, Clemence e Flora, non vogliano più vedere la compagna del presidente, aggiungendo che »quello che conta« è la relazione con il padre. Hollande, si legge sul settimanale, ha chiesto ai suoi figli di »non alimentare il feuilletton«.

In cambio avrebbe promesso loro di »esprimersi sulla vicenda del tweet e di definire il ruolo della premiere dame« che per Thomas è » è un fattore d'instabilità: «O è giornalista o ha un ufficio all'Eliseo - ha osservato il giovane -. E soprattutto importante che non pubblichi più tweet».

Quanto a sua madre, Thomas la vede con un incarico da 'ministro« nei prossimi mesi: »In politica - conclude - non si muore mai«. Secondo il quotidiano Le Parisien, Hollande dovrebbe intervenire il 14 luglio, in occasione della festa della Repubblica, in un dibattito televisivo a reti unificate sulla tv pubblica France 2 e sulla privata Tf1 e affrontare, tra l'altro, l'argomento del tweet e del ruolo della première dame.

Intanto nel suo entourage, circolano voci di una crisi della coppia Hollande-Valerie proprio a causa del tweet. Segolene, in una recente intervista, aveva raccontato di come i suoi figli fossero stati feriti dal tweet di Valerie e di come avesse dovuto rincuorare Flora, la minore, che piangeva al telefono. Per la Royal, la premiere dame è una donna calcolatrice che fa di tutto per allontanarla da Hollande.

»Nel 2007 Valerie ha approfittato della situazione - spiega Segolene -. È stato facile. Come giornalista di Paris Match seguiva il Partito socialista e il primo segretario (Francois Hollande, ndr.)«. Segolene è anche convinta che la Trierweiler abbia contribuito alla sua sconfitta alle presidenziali: »Capisco - osserva - perchè Francois non mi ha aiutata«. La relazione tra Hollande e la Royal è durata una trentina d'anni, i due non si sono mai sposati e hanno avuto quattro figli. Si sono lasciati ufficialmente nel 2007, subito dopo la sconfitta della socialista alle presidenziali contro l'ex presidente Nicolas Sarkozy. Da allora Hollande ha una relazione con Valerie.