Speciale primarie Pd 8 dicembre 2013
Speciale Elezioni 2013

Consulta: sì a ricorso di Di Pietro contro Berlusconi

IMG
20 giugno 2013
A - A
Nuovo dispiacere dalla Corte Costituzionale a Silvio Berlusconi, a 24 ore dalla decisione sul no alla incostituzionalità per il mancato legittimo impedimento al processo Mediaset. La Consulta ha infatti ammesso il ricorso per conflitto di attribuzioni sollevato dal Giudice di Pace di Viterbo nei confronti della Camera dei deputati che aveva dichiarato insindicabili alcune espressioni non proprio gentili usate da Berlusconi all'indirizzo di Antonio Di Pietro in un suo comizio il 26 marzo 2008 a Viterbo.

Di Pietro aveva querelato per diffamazione Berlusconi ma l'azione non era mai diventata un processo perché la Camera dei Deputati aveva votato a maggioranza la insindacabilità delle parole di Berlusconi in quanto coperte dall'immunità parlamentare.

Il Cavaliere aveva detto che «Di Pietro si è laureato grazie ai Servizi, perché non è possibile che l'abbia preso uno che parla così l'italiano […] a Montenero di Bisaccia nessuno sapeva che si stava laureando, nemmeno i suoi genitori […]». E ancora disse che Di Pietro «mi fa orrore non tanto perché ha problemi con i congiuntivi, ma perché non rispetta gli altri, ha mandato in galera italiani senza prove […]». E dunque «ho orrore di Di Pietro che rappresenta il peggio del peggio. Mi fa orrore perché non rispetta le persone, ha mandato in galera italiani senza avere alcuna prova».

Il giudice di pace di Viterbo aveva sollevato conflitto di attribuzioni contro la decisione della Camera, sostenendo non potersi far rientrare nell'immunità parlamentare offese personali espresse al di fuori dell'attività parlamentare. E oggi la Corte Costitituzionale, rinviando sul merito al futuro giudizio, con la sua ordinanza ha ammesso che il ricorso un fondamento lo ha e dunque il conflitto di attribuzioni dovrà celebrarsi per arrivare a una decisione sul merito. Starà alla Camera difendere le ragioni della difesa a suo tempo votata per le parole di Berlusconi. Dopodichè la Corte Costituzionale, di nuovo, sul Cavaliere si esprimerà.