Speciale primarie Pd 8 dicembre 2013
Speciale Elezioni 2013

Bersani: «Con me giovani e persone oneste»

Il leader Pd: «Tutti vorranno tagliarci la strada. Io non mi impressiono, faremo leva sulla gente onesta». E invita a reagire e a parlare di Italia». Intervista a Fassina: «Noi stiamo con Obama e la sinistra europea» di s.c.
Bersani, carta d
Di Maria Zegarelli
8 settembre 2012
A - A
«Tutti vorranno tagliarci la strada, tutti da un verso all’altro, io non mi impressiono, so che di gente onesta e perbene ce n’è tanta e faremo leva su quella gente lì: quella sarà la nostra gente». Pier Luigi Bersani parlando da Ravenna, per la festa Pd, spiega che ha ben chiaro il clima, sa bene che sono in molti a non volere che il suo partito vinca le elezioni: non solo gli avversari politici - che pur di non perdere preferiscono che nessuno vinca e si ripieghi sulla grande coalizione - ma anche le forti lobby trincerate dietro la difesa dei propri interessi economici.

«Il percorso è molto duro e arduo», dice. Con i suoi collaboratori più fidati non ha nascosto la sua preoccupazione anche per le accese polemiche interne che stanno dividendo il Pd tra renziani e non renziani, perché il rischio, ha ripetuto anche l’altro giorno incontrando i segretari regionali, è che al Paese arrivi l’immagine di un partito chiuso in una rissa interna e lontano dai problemi reali, quelli per i quali dai territori sale una richiesta di attenzione. Per questo domani, nel suo comizio di chiusura della Festa nazionale del Pd, a Reggio Emilia, parlerà di Italia agli italiani e non della disputa per le primarie.

BERSANI: "PRENDERCI LE NOSTRE RESPONSABILITA'"
«Dobbiamo prenderci le nostre responsabilità davanti all’Italia perché la questione è l’Italia che è nei guai», dice ai democrat. E se Matteo Renzi sceglie l’attacco al cuore della diligenza e lascia capire quale sarà la direzione che intende prendere se dovesse vincere, «bisogna avere il coraggio di dire che la sinistra che ha governato in questi 20 anni ha fallito», ha ripetuto ieri, Bersani punta sul programma, sull’idea di Paese che hanno i progressisti e che si impegnano a realizzare se andranno al governo con un patto con i moderati. Respinge la polemica sul rinnovamento, «nel mio governo ci saranno tanti giovani ma anche esperienze consolidate», invita tutti ad abbassare i toni e prepara l’avvio della sua campagna elettorale.

Precedente Precedente
Pagina 1 di 3