Speciale primarie Pd 8 dicembre 2013
Speciale Elezioni 2013

Berlusconi: «Converrebbe uscire da Euro»

berlusconi euro
20 giugno 2012
A - A
Non sarebbe un'idea malsana uscire dall'euro nel caso in cui la germania continuasse con la politica del rigore. Silvio Berlusconi ritorna all'attacco. L'ex premier ritiene che da questa crisi si possa uscire «con una Banca Centrale Europea che si assuma la garanzia dei titoli e dei debiti dei paesi dell'eurozona».

Molti additano l'inflazione come una delle cause della difficoltà dei vari paesi. Berlusconi su questo non è d'accordo ricordando che «abbiamo avuto in passati un'inflazione a due cifre e non è cambiato nulla. negli anni '80, quando era così, c'è stato sviluppo».

Non bisogna quindi «avere paura di una moderata inflazione». In ogni caso berlusconi ritiene che la soluzione principale alla crisi sarebbe che la Germania «si convincesse che la bce debba diventare una banca di garanzia. ma se questo non accade - e se uno non può aspettarsi che la Germania si ritiri dall'euro - allora potrebbe convenire che stati singoli (come la Spagna, l'Italia, la Grecia) ritornassero alle monete nazionali».

Un passaggio, ne è convinto Berlusconi, nel quale «ci sarebbero dei vantaggi. Una moneta propria consentirebbe per esempio anche una svalutazione competitiva con conseguente aumento delle esportazioni e incremento da parte degli intaliani dell'acquisto di prodotti nazionali. Insomma quello che dico non è una bestemmia anche se so che ci sarà scandalo».

L'ex presidente del consiglio dice di non sapere cosa potrà accadere se l'Italia dovesse fare questa scelta ma «non arrivo a comprendere perchè possa esserci una perdita di ricchezza. Gli immobili - dice - sono lì e non vedo come possano perdere valore».