Speciale primarie Pd 8 dicembre 2013
Speciale Elezioni 2013

Processo Ruby, due "olgettine" contro Nicole

Nel processo sui festini ad Arcore, anche Barbara Guerra e Iris Berardi hanno chiesto di costituirsi parte civile nei confronti di Nicole Minetti, perché «vittime e persone offese».
20 gennaio 2012
A - A
Anche Barbara Guerra e Iris Berardi due delle 33 ragazze che hanno partecipato alle serate ad Arcore, hanno chiesto oggi a Milano al processo sul caso Ruby a carico di Emilio Fede, Lele Mora e Nicole Minetti di essere parte civile.

Le due giovani hanno chiesto di costituirsi parte civile nei confronti solo di Nicole Minetti, perché «vittime e persone offese». Altre tre ragazze, le due ex 'miss' Ambra e Chiara e Imane Fadil sono parte civile.

Nella scorsa udienza, infatti, il giudice della quinta sezione penale di Milano Anna Maria Gatto aveva disposto di notificare il decreto che ha disposto il processo a tutte le trentadue ragazze maggiorenni che avrebbero partecipato, assieme a Ruby, ai presunti festini hard ad Arcore, perchè, secondo una recente giurisprudenza, anche le persone che subiscono il reato di induzione e favoreggiamento della prostituzione sono da considerarsi «vittime» e persone offese da reato. Per questi motivi e basandosi sull'ordinanza, come ha spiegato l'avvocato Faggella, Iris Berardi e Barbara Guerra hanno deciso di chiedere di essere parte civile. Nella richiesta di costituzione le due giovani lamentano un «danno morale», mentre, come ha aggiunto l'avvocato, «il danno all'immagine è nei fatti ed è dovuto al battage pubblicitario del processo». Le due chiedono di essere parti civili solo contro Nicole Minetti perchè, ha chiarito il legale, «i fatti che le riguardano sono da ascriversi alla sola Minetti». L'avvocato inoltre ha fatto riferimento ai principi espressi nell'ordinanza del giudice ovvero alla «libertà di autodeterminazione nella sfera sessuale della donna e alla dignità della persona».