L'Imu è legge. ecco tutti i dettagli

Di Bianca Di Giovanni
25 aprile 2012
A - A
La nuova Imu è legge. E anche la cosiddetta Imu bis, cioè l’addizionale che i Comuni potranno imporre come tassa di scopo per realizzare le opere. Durerà 10 anni. Nessuna soluzione invece per gli anziani nelle case di cura (pagheranno sulal loro prima casa come fosse la seconda) e per gli italiani residenti all’estero. Resta aperta la possibilità per i Comuni di procedere a eventuali sgravi. Il Senato ieri ha dato il via libera definitivo, con il voto di fiducia, al decreto fiscale. Testo immutato rispetto alla Camera. Diventa legge l’asta per le frequenze Tv, così come il nuovo patto di stabilità interno che consente in alcuni casi assunzioni negli enti locali.

Assieme alle tasse sulla casa, arriva una lunga lista di nuovi balzelli. Arriva la tassa sugli aerotaxi. Sarà di 100 euro a passeggero per tragitti non superiori a 1.500 chilometri. Inoltre si pagherà una tassa di sbarco (1,5 euro) nelle isole minori: promemoria per i vacanzieri. Anche sul marchio apposto sulle gru adoperate nei cantieri edili si applicherà l’imposta comunale sulla pubblicità. Salvate dai rigori del fisco invece le borse di studio. Così come viene alleggerito il peso delle accise per l’energia elettrica per le piccole e medie imprese. Abolita anche la tassa sulle rimesse degli immigrati, ovvero il prelievo su money transfer che il governo Berlusconi aveva introdotto. La partita più importante è stata sicuramente quella sull’ Imu.

Il Parlamento ha introdotto la possibilità di scegliere tra due o tre rate (giugno e dicembre o giugno, settembre e dicembre), con la prima rata limitata all’aliquota base del 4 per mille per la prima casa e del 7,6 per mille per le altre. Le agevolazioni, aliquota e detrazioni, valgono solo per una casa a famiglia. Novità per i divorziati: paga la tassa chi abita la casa, anche se non è il proprietario. Oltre all’F24, da dicembre si potrà utilizzare, per i pagamenti il bollettino postale. Tassa alleggerita per gli immobili dell’agricoltura e per le dimore storiche.

Importante il capitolo sui crediti verso la pubblica amministrazione. Vengono estese alle amministrazioni statali le disposizioni sulle certificazioni del debito per appalti e forniture e sulla possibile cessione dei crediti da parte delle imprese creditrici alle banche.

Le imprese saranno garanti dei debiti che le amministrazioni pubbliche hanno nei loro confronti e che vengono ceduti alle banche. Ai Comuni viene assicurato circa un miliardo per i pagamenti alle imprese, mentre alle Regioni va la stessa cifra per la costruzione di ospedali. Molti i titoli sui giochi: dalla proroga per la tassazione agevolata per il Bingo alla gara per 2.000 punti vendita per scommesse ippiche, dallo slittamento della cosiddetta «tassa sulla fortuna» all’esclusione degli indagati dal divieto di partecipazione a gare o di rilascio o di rinnovo di concessioni in materia di giochi.

IMU SCHEDA
IMU SCHEDA 2IMU SCHEDA 3