Book Trailers
Festival Berlino
Festival Venezia

Ritorna il festival dell'Argentiera
Cucciari, Insinna e Serra sul palco

festival argentiera
11 luglio 2012
A - A
Nell'Italia dei festival internazionali-mondiali-universali, Letterari con la L maiuscola, glamorous salottieri imprescindibili, c'è una tre giorni in Sardegna che si dice "piccola" e "leggera". La organizzano un gruppo di amici di cui fanno parte gli scrittori Flavio e Paola Soriga, Matteo B. Bianchi, Geppi Cucciari e molti altri. La organizzano da cinque anni a questa parte, quasi sempre per fine luglio, quest'anno è dal 25 al 29, all'Argentiera, un piccolo borgo tra Sassari e Alghero, e l'hanno chiamata "Sulla terra leggeri" - come il titolo di un romanzo di Sergio Atzeni.

Funziona così. Di mattina si va al mare sulle spiagge del piccolo paese di minatori e la sera si vanno a sentire gli ospiti parlare di libri, musica, cinema e attualità - e non di rado lo si è già fatto al bar o sotto l'ombrellone. Quest'anno ci saranno, tra gli altri, Daria Bignardi, Geppi Cucciari e Flavio Insinna; i giornalisti Michele Serra, editorialista di La Repubblica e L’Espresso, e Luca Telese, autore e presentatore tv, a settembre direttore del nuovo quotidiano "Pubblico"; Marisa Passera e Federico Russo, voci di Radio Deejay, le cui esperienze s’incroceranno con quelle di Matteo Caccia, già Radio Rai e Radio 24. Si parlerà di libri anche con Piero Dorfles, giornalista e critico letterario, responsabile dei servizi culturali del Giornale Radio Rai prima ancora che voce e anima del programma televisivo di Rai Tre Per un pugno di libri, che dialogherà di letteratura e viaggi insieme agli scrittori Claudio Morici e Fabio Genovesi.

Come ogni anno, le parole dei libri, e di chi parla di libri, si incroceranno con quelle di musicisti e cantanti. In questa edizione saliranno sul palco i cantautori Dente e Brunori Sas, pluripremiati artisti indie-pop. Infine, un progetto che s'intitola Ninna Nanna, e che prova a raccontare la Sardegna attraverso la danza. La coreografia, firmata da Donatella Martina Cabras, si basa su testi originali di Paolo Fresu, Vinicio Capossela, Bruno Tognolini, Geppi Cucciari, Flavio e Paola Soriga - musiche di Pasquale Demis Posadinu, costumi e scenografie dello stilista Antonio Marras.