Il teatro in diretta di Unita.it

CASSINO TEATRO BENVENUTI
18 luglio 2012
A - A


Stavolta al teatro intelligente - quello cioè capace di stimolare i nostri cervelli senza tuttavia annoiare - abbiamo voluto aggiungere un luogo antico e suggestivo, il Teatro Romano di Cassino (Fr), uno di quei tanti posti magici che l'Italia sembra custodire gelosamente come fosse un gioiello di famiglia, prezioso ma non eccessivamente messo in mostra. Da lì trasmettiamo le due serate di «CassinoOFF Estate», naturale proseguimento della rassegna di teatro civile (organizzata dall'associazione CittàCultura) che in primavera è andata in onda con successo su questo sito.

E così dopo Ascanio Celestini, Francesco Suriano, Bebo Storti e Ulderico Pesce, ora tocca ad Alessandro Benvenuti (20 luglio) e Massimo Wertmuller (27 luglio), entrambi inseriti nel cartellone estivo di CassinoArte promosso dal Comune. Anche stavolta basterà accendere il computer, collegarsi al sito dell’Unità www.unita.it e sarà come essere a teatro. Un modo semplice semplice per poter seguire da casa eventi e iniziative, da qualsiasi città italiana, e una valida alternativa ai tradizionali circuiti della distribuzione.

Si comincia oggi, 20 luglio, dunque, con Alessandro Benvenuti in “m.m. (me medesimo)”, straordinaria maschera tragicomica... Solo sul palco spoglio, racconterà la storia di Cencio, un personaggio assurdo eppure così reale al quale sembra succedere di tutto. È un uomo in crisi, forse artistica, forse lavorativa, forse familiare. Forse è tutta la sua vita ad essere messa in discussione e forse questo è solo un modo per sopportare l’evidente fallimento. Ormai Cencio non si affeziona più a nulla, neanche all’alcool, suo vecchio compagno di viaggio che gli ha devastato il corpo e la mente. È rimasto solo con i suoi fantasmi a rimuginare e a raccontare la sua storia confondendola con altre storie. La sua unica consolazione sarà La Betty. La messa in scena dello spettacolo è anche un modo per ricordare Andrea Cambi, prematuramente scomparso, per il quale questo testo era stato scritto.

Si prosegue poi il 27 luglio con Massimo Wertmuller e Anna Ferruzzo, protagonisti dello spettacolo “Dal Risorgimento” (musiche dal vivo di Domenico Ascione), un percorso letterario, un viaggio a ritroso nel tempo tra le testimonianze di molti uomini e di molte donne del Risorgimento Italiano. E così prenderanno la parola Mazzini e Verga, ma anche personaggi non necessariamente di primo piano, ma capaci con la loro partecipazione, di fare del Risorgimento un movimento ampio, ricco, contraddittorio, affascinante. Si parlerà anche della nostra Costituzione, oggi ancora forte e insostituibile. E nell’aria, forse, sentiremo aleggiare le antiche e sopite aspirazioni di eguaglianza, libertà e giustizia e raccontare i valori che sono, e che restano, il senso vero e profondo dell’'Unità d’'Italia.