Piccoli razzisti

Di Toni Jop
20 dicembre 2011
A - A
È davvero una piccola notizia e noi siamo dei monomaniaci? Verona: nei giorni scorsi, un ragazzetto cingalese di 14 anni viene inquadrato, a bordo di un autobus, da un italiano, giovane anche lui, che gentilmente gli parla così: «Che cazzo hai da guardare, negro di merda». Il giorno dopo, lo studente cingalese viene riconosciuto per la strada, un gruppetto di galantuomini lo inseguono, gli versano la birra sulla testa, lo gettano a terra, lo massacrano a calci e pugni, lo picchiano con un manganello, lo spingono verso il centro della carreggiata per farlo investire dalle auto. Ospedale.
Intanto, fermano due diciassettenni e un diciottenne, tutti tricolore, sono i picchiatori. A casa di uno di loro trovano gadget fascisti prodotti da Forza Nuova alla quale tuttavia non era iscritto. Genitori allibiti, ed è un peccato. Comandante dei carabinieri solerte e paterno: solo un caso individuale. Sì, buona notte.